Quest’anno, con la Giornata mondiale dell’ambiente, le Nazioni Unite lanciano il Decennio per il ripristino dell’ecosistema e caldeggiano il “passaggio dallo sfruttamento della natura alla sua guarigione”. Ma cosa succede quando si vorrebbe ripristinare un ecosistema, ma non si sa come fare perché non si sa più com’era la natura prima degli interventi che l’hanno cambiata? Alberto Scotti e le colleghe limnologhe stanno costruendo un “catalogo” degli animali invertebrati di fiumi e torrenti dell’Alto Adige, per monitorarli, non perderne la memoria e favorire le rinaturalizzazioni.

Quali torrenti avete campionato in val d’Isarco e val Pusteria?

Alberto Scotti: L’Isarco a Colle Isarco, Vipiteno e Fortezza, il Rio di Vizze a Prati di Vizze. Rienza, Drava e il Rio Anterselva in val Pusteria, oltre a vari torrenti più piccoli delle valli laterali. A questi siti se ne aggiungono altri sparsi in tutto l’Alto Adige, a tracciare una rete di 120 siti. In 24 di questi torneremo ogni anno per verificare i cambiamenti nel corso del tempo. Questo lavoro rientra nel Monitoraggio della biodiversità Alto Adige, uno studio approfondito e complesso che stiamo portando avanti con il supporto del Museo di scienze naturali dell’Alto Adige e della Provincia.

Campionate la qualità dell’acqua?

Scotti: Non direttamente. Noi fotografiamo la biodiversità degli animali invertebrati che ci vivono, che in parte dipende inevitabilmente dalla qualità dell’acqua. Scegliamo un tratto di torrente di circa 50-100 metri e annotiamo tutto quello che c’è. Il nostro focus è ciò che sta sotto il metro: distinguiamo tra settori con ghiaia, sabbia, roccette fino a 25 centimetri di diametro, materia organica come pezzetti di legno o alghe. Questi ambienti diversi sono microhabitat dove vivono organismi molto diversi tra loro. Per ogni corso d'acqua preleviamo almeno otto campioni: solleviamo i sassi più grossi per vedere gli animali che ci vivono sotto, muoviamo la sabbia, le alghe e altre piante acquatiche, e raccogliamo gli animali con i retini. Alla fine inseriamo le osservazioni in una bancadati, sorte di liste con numero, tipo e caratteristiche degli invertebrati che troviamo.


Come avete scelto i torrenti da campionare?

Scotti: In modo da avere un catalogo di caratteristiche più varie possibile. Abbiamo considerato la portata d’acqua, la pendenza, l’altitudine, l’origine glaciale o meno e la geologia.

Perché in alcuni posti tornate?

Scotti: Perché sono siti cosiddetti di referenza, cioè sono rappresentativi della loro categoria; ci servono per confermare le osservazioni in anni diversi. Per esempio questo è stato un inverno molto nevoso con una primavera fresca; facile che sul fondo di certi torrenti, rispetto allo scorso anno, ci sia meno sostanza organica come pezzetti di foglie o di legno perché sono rimasti più a lungo intrappolati sotto la neve. Questo influenza le popolazioni che vivono in acqua e per questo è bene ripetere l’osservazione ogni anno. Anche in val d’Isarco e in val Pusteria sono presenti dei siti di referenza.

Alberto Scotti

Questa intervista è stata pubblicata sabato 5 giugno 2021 sul quotidiano Alto Adige.

Related Articles

Article
Auf dem Weg in Richtung Klimaneutralität: Szenarien für Südtirol

Eurac Research hat im Auftrag des Landes eine umfassende technische Studie erstellt

Article
Centrale idroelettrica sul Rio Saldura: uno studio di cinque anni non mostra cambiamenti significativi dell’ecologia del fiume

Un team di Eurac Research ha studiato gli organismi presenti nel torrente che scorre in Val di Mazia prima e dopo l'entrata in funzione della piccola centrale elettrica.

Article
Diagnosi precoce dell’ictus cerebrale. unibz nel consorzio di ricerca nazionale

La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche è il partner tecnologico di un consorzio di università ed enti pubblici che, nei prossimi quattro anni, collaboreranno nell’ambito del progetto pilota nazionale “POS-T2-STROKE” (capofila l’Università de L’Aquila). Il gruppo di ricerca, guidato dal prof. Enrico Franconi, è incaricato di sviluppare gli algoritmi di intelligenza artificiale che renderanno possibili la diagnosi e il trattamento rapido dell’ictus cerebrale in fase acuta.

Article
Quali sono gli effetti dello stress da calore sugli animali da allevamento e sulle piante?

L’estate di quest’anno dimostra ancora una volta come molti ambiti dell’esistenza umana dovranno adattarsi alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Alla Facoltà di Scienze e Tecnologie, il mutamento delle condizioni ambientali da anni è al centro di ricerche in settori quali la zootecnia, la fisiologia vegetale o l’entomologia agraria e forestale. Per i*le ricercatori*rici, l’ondata di calore delle ultime settimane è un’ulteriore prova della necessità di adeguare i metodi di produzione e coltivazione.