Recent Stories

Article
A lezione di pronto intervento in montagna

Al via il Master internazionale in medicina di emergenza in montagna organizzato dall’Università dell’Insubria, dall’Università di Milano-Bicocca e da Eurac Research.

Article
Biomedizinische Forschung, die man in Südtirol nicht erwartet

Für die Gesundheitsstudie CHRIS im Vinschgau beginnt ein neues Kapitel

Article
Con gli emoji torniamo alle origini della scrittura

Quasi quattromila anni fa in Mesopotamia furono inventate le lettere dell’alfabeto per velocizzare la comunicazione: disegnare ogni volta gli oggetti da commerciare faceva sprecare tempo prezioso per gli affari. Da trent’anni a questa parte stiamo reintroducendo i pittogrammi nella nostra scrittura; questa volta principalmente per esprimere emozioni e sentimenti. È una delle storie che il gruppo di ricerca del progetto “SMS – A lezione con più lingue” propone nei materiali didattici approntati per le scuole.

Article
“A volte per andare avanti bisogna tornare indietro”: viaggio e turismo ieri e oggi

Dai soggiorni dei patrizi romani nelle villa e in campagna ai weekend mordi e fuggi nelle capitali del mondo, passando per i pellegrinaggi medioevali e la nascita della prima agenzia di viaggi nel XIX secolo. La filologa Giulia Isetti, di Eurac Research, ripercorre la storia del turismo e si interroga su quel che vogliamo per il turismo del futuro.

Book of the week

#

Valeria Burgio

Rumore visivo

Semiotica e critica dell’infografica

Il libro - frutto del progetto di ricerca "In praise of Noise. Expressing doubt and subjectivity in Data Visualization" svolto dall'autrice alla Facoltà di Design e Arti assieme al ricercatore Matteo Moretti - indaga in chiave critica il campo dell’infografica, mostrando come i grafici informazionali, lungi dall’essere semplici trasposizioni di dati su un piano cartesiano, siano sempre forme di relazioni tra contenuti tradotte in un artefatto visivo. Dovendo mediare tra osservazione scientifica e divulgazione della conoscenza, le infografiche possono portare in sé tracce di incertezza e di errore, rimettendo così in discussione il processo stesso di acquisizione del dato e distanziandosi da quel presunto carattere di oggettività e trasparenza che spesso è loro attribuito. Al di là di una funzione informativa e descrittiva, i grafici esprimono punti di vista e agiscono sulla realtà, affermandosi come potenti strumenti di persuasione. Questo loro carattere performativo è emerso in modo evidente durante la pandemia da Covid-19 e permea la comunicazione visiva legata al cambiamento climatico.

Academia Strips