Nei prossimi tre anni, un progetto di ricerca della Facoltà di Economia (responsabile, il ricercatore Peter Agstner) studierà gli effetti della riforma sulle casse rurali dell’Alto Adige.

Gli effetti della legge 49/2016 - che ha modificato l’assetto del sistema di credito cooperativo italiano - sulle casse rurali dell’Alto Adige sono al centro del progetto che nei prossimi tre anni sarà portato avanti da Peter Agstner, ricercatore alla Facoltà di Economia.

La legge ha ridisegnato il panorama del credito cooperativo in Italia, obbligando le banche con un forte radicamento sul territorio a confluire in un gruppo di istituti guidati da una s.p.a. Questa previsione non ha tardato a scatenare critiche e perplessità – relative a una perdita di autonomia degli istituti – anche a livello altoatesino, dove forte è la presenza delle casse rurali.

L’Alto Adige è l’unica realtà territoriale, in virtù della sua specialità, ad avere ottenuto, per le casse rurali locali, l’esenzione dall’obbligo di assoggettamento alla direzione di una capogruppo s.p.a., che invece ha riguardato le banche sorelle sul resto del territorio nazionale, integrate o nel gruppo nazionale Iccrea o nella Cassa Centrale Trentina. “Ciò è stato possibile grazie all’obbligo, previsto dal legislatore che il sistema Raiffeisen Alto Adige si doti di un IPS, ovvero di un sistema di garanzie interne che permetta di assicurare la solidità delle casse rurali”, afferma Agstner.

“Il progetto, che si concluderà nel 2022, ha l’obiettivo di verificare se il sistema “speciale” creato per le casse rurali altoatesine determini vantaggi o svantaggi per i clienti che accedono a servizi come mutui o credito per le imprese”, spiega il ricercatore. Il progetto verrà finanziato dalla Federazione delle Casse Rurali dell’Alto Adige.

Related Articles

Article
Prevenzione degli incidenti e pirateria stradale. Uno studio fa il punto sull’efficacia delle misure di contrasto

A breve termine, le misure draconiane non servono per ridurre gli incidenti e gli episodi di pirateria stradale. La patente a punti si è rivelata più utile ad abbassare il numero degli incidenti mortali rispetto alle pene detentive. È quanto emerge da una ricerca della Facoltà di Economia della Libera Università di Bolzano basata sui dati Istat.

Interview
Aiming for the higher ground

Why international cooperation is so crucial for Latin America. An interview with Chilean sociologist Carlos Cruz Infante.

Article
“Alpine Refugees”, le Alpi da trappola per migranti a rifugio

Le Alpi possono essere “rifugio” o “trappola” per i migranti: dipende da come sono regolamentati i flussi migratori, implementate le politiche di inclusione sociale e lavorativa, e da come è gestita l’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati. È questo il punto di partenza del volume “Alpine Refugees” (Cambridge Scholars Publishing, 2019), pubblicato con il supporto di Euricse, Cantone dei Grigioni e Istituto BAB di Vienna, presentato in anteprima questo pomeriggio al Plessi Museum del Brennero alla presenza degli autori Giulia Galera (Euricse) e Andrea Membretti (Eurac Research), che con Manfred Perlik (Università di Berna) e Ingrid Machold (BAB) hanno curato il testo.

Interview
Di piccoli borghi e grandi città

Offrire l’istruzione scolastica a un bambino che abita in un piccolo paese delle Alpi costa molto di più rispetto a garantirla a chi vive in periferia di Milano. Se si ragionasse solo in termini economici molte scuole, uffici postali e fermate dell’autobus avrebbero poco senso nei tanti borghi che costellano l’Italia. Christian Hoffman e Andrea Membretti, esperti in sviluppo regionale di Eurac Research, spiegano perché mantenere questi servizi sia utile anche a chi vive in città.