Nei prossimi tre anni, un progetto di ricerca della Facoltà di Economia (responsabile, il ricercatore Peter Agstner) studierà gli effetti della riforma sulle casse rurali dell’Alto Adige.

Gli effetti della legge 49/2016 - che ha modificato l’assetto del sistema di credito cooperativo italiano - sulle casse rurali dell’Alto Adige sono al centro del progetto che nei prossimi tre anni sarà portato avanti da Peter Agstner, ricercatore alla Facoltà di Economia.

La legge ha ridisegnato il panorama del credito cooperativo in Italia, obbligando le banche con un forte radicamento sul territorio a confluire in un gruppo di istituti guidati da una s.p.a. Questa previsione non ha tardato a scatenare critiche e perplessità – relative a una perdita di autonomia degli istituti – anche a livello altoatesino, dove forte è la presenza delle casse rurali.

L’Alto Adige è l’unica realtà territoriale, in virtù della sua specialità, ad avere ottenuto, per le casse rurali locali, l’esenzione dall’obbligo di assoggettamento alla direzione di una capogruppo s.p.a., che invece ha riguardato le banche sorelle sul resto del territorio nazionale, integrate o nel gruppo nazionale Iccrea o nella Cassa Centrale Trentina. “Ciò è stato possibile grazie all’obbligo, previsto dal legislatore che il sistema Raiffeisen Alto Adige si doti di un IPS, ovvero di un sistema di garanzie interne che permetta di assicurare la solidità delle casse rurali”, afferma Agstner.

“Il progetto, che si concluderà nel 2022, ha l’obiettivo di verificare se il sistema “speciale” creato per le casse rurali altoatesine determini vantaggi o svantaggi per i clienti che accedono a servizi come mutui o credito per le imprese”, spiega il ricercatore. Il progetto verrà finanziato dalla Federazione delle Casse Rurali dell’Alto Adige.

Related Articles

Interview
Di piccoli borghi e grandi città

Offrire l’istruzione scolastica a un bambino che abita in un piccolo paese delle Alpi costa molto di più rispetto a garantirla a chi vive in periferia di Milano. Se si ragionasse solo in termini economici molte scuole, uffici postali e fermate dell’autobus avrebbero poco senso nei tanti borghi che costellano l’Italia. Christian Hoffman e Andrea Membretti, esperti in sviluppo regionale di Eurac Research, spiegano perché mantenere questi servizi sia utile anche a chi vive in città.

Article
"Gli investitori dovrebbero guardare maggiormente alle imprese non quotate"

Massimiliano Bonacchi, docente di Accounting alla Facoltà di Economia, assieme ai colleghi Antonio Marra (Università Bocconi) e Paul Zarowin (Stern, New York University), ha esaminato i bilanci di oltre 400.000 imprese europee. Cos’hanno scoperto? Che i bilanci delle imprese non quotate, contrariamente al luogo comune che le vuole opache, sono più trasparenti e meritevoli di fiducia da parte degli investitori rispetto ad altre tipologie di aziende.

Interview
Trans-planetary Visionist

Imagine a world with a global consciousness, where mobility of ideas, information and people have launched humanity into a new ideological paradigm based on redistributed social justice. Sounds like a nice place to be, and that’s exactly the type of ‘global imaginary’ that Manfred B. Steger, Professor of Global and Transnational Sociology at the University of Hawaii-Mānoa, thinks we can achieve. The celebrated author of “Globalism: A Very Short Introduction” was at Eurac Research in May to talk about alternative global paradigms and the rise of the populist Right.

Article
Auto a guida autonoma. Paper unibz premiato all’Itea di Parigi

Best Overall Paper Prize a una ricerca dei docenti Federico Boffa e Alessandro Fedele (Facoltà di Economia) alla conferenza leader per l’economia dei trasporti.