© ESA

Eurac Research unico partner italiano nel team del progetto finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea.

Raccogliere dati sulla distribuzione della neve nell’arco dei ultimi quarant’anni in modo da creare dei modelli che aiutino a capire come sta cambiando il clima. È questo l’obiettivo di un progetto finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea che si basa su dati satellitari e misure registrate da sensori installati in diversi angoli del pianeta. I dati vengono raccolti su base giornaliera, per cui si tratta di un’enorme mole di informazioni. All’interno del team di ricerca, gli esperti di Eurac Research hanno il compito di analizzare questi dati per verificarne l’accuratezza.

Oltre a considerare un arco temporale molto ampio, lo studio dell’Agenzia Spaziale Europea ha un’altra particolarità, quella di considerare tutto il globo terrestre. “Generalmente gli studi sulla neve si concentrano solo sull’emisfero settentrionale, perché è qui che si trova più del 90 per cento della neve. Questo studio, invece, considera tutto il mondo e offre una panoramica completa. In questo modo potremo confrontare, ad esempio, i cambiamenti che stiamo osservando sulle Alpi con quelle che avvengono sulle Ande”, spiega Claudia Notarnicola, fisica di Eurac Research e referente nazionale del progetto. Il centro di ricerca bolzanino, infatti, è l’unico partner italiano del progetto a cui partecipano università, aziende e istituti di ricerca austriaci, svizzeri, norvegesi, finlandesi e canadesi.
“Il nostro compito sarà quello di gestire tutti i dati raccolti dai partner e verificarne l’accuratezza. I dati a livello globale hanno risoluzione di un chilometro, quindi non sono molto dettagliati; li confronteremo con immagini satellitari ad alta risoluzione (20-30 metri) e misure a terra per capire quanto siano attendibili”, specifica Claudia Notarnicola.
I dati raccolti serviranno ad elaborare modelli climatici a disposizione di politici e amministratori e saranno uno strumento utile per prevenire e gestire gli effetti dei cambiamenti del clima. “In Alto Adige, negli ultimi dieci anni abbiamo portato a termine quattro progetti sulla copertura della neve e abbiamo consegnato alla Provincia Autonoma di Bolzano i dati che abbiamo raccolto. Ora l’obiettivo è quello di espandere a tutto il mondo l’area di osservazione per capire le dinamiche dei processi a livello globale”, conclude Claudia Notarnicola.

Il progetto “Snow CCI” ha recentemente preso il via e ha durata triennale.

Related Articles

Article
Che aria tira a scuola? Ripensare e trasformare i luoghi della formazione post Covid-19

Il progetto di ricerca “Il cambiamento è nell’aria” - promosso dalla Libera Università di Bolzano e Agorà, con la collaborazione di ricercatori e dottorandi dell’Università IUAV di Venezia e degli atenei di Trento e Padova - ha fotografato la qualità dell’aria a scuola nei mesi precedenti la chiusura per la pandemia di coronavirus. Una concentrazione di CO2 eccessiva dimostra una ventilazione inadeguata per larga parte del tempo di occupazione. Una cattiva notizia in vista del rientro a scuola ai tempi del Covid-19.

Article
BIGWOOD: la filiera sostenibile dell’edilizia in legno vuole diventare grande

Costruzioni in legno, sostenibili anche per grandi volumetrie ed elevazioni. BIGWOOD, progetto europeo Interreg transfrontaliero tra Alto Adige, Tirolo austriaco e Veneto, porterà alla creazione di una rete di università, aziende, progettisti ed esperti nel settore per diffondere le costruzioni in legno multipiano e garantire elevati standard di qualità. Il progetto prevede la realizzazione di modelli dimostrativi di edifici multipiano interamente realizzati in legno, tra cui uno in scala reale nel Parco tecnologico NOI di Bolzano, aperto e visitabile dal pubblico.

Article
Time to reboot: technology won’t save us

We live in a technological world. Technology is everywhere around us, it helps us with our daily chores, enables us to communicate with friends all over the world, has allowed many of us to work in the Covid-19 lockdown, brings food to our tables while keeping it fresh, produces clean energy for our homes and transportation, and, finally, lets us have fun.

Article
Autismo e autonomia di vita in casa: il progetto SENSHome

Una casa non può dirsi intelligente se non è in grado di rispondere anche alle esigenze delle persone più fragili. SENSHome è il nome del nuovo progetto transfrontaliero tra Italia e Austria, il cui obiettivo è rendere possibile una vita domestica in autonomia a persone con disabilità, con particolare attenzione a quelle con disturbo dello spettro autistico. Come? Sviluppando e applicando reti di sensori intelligenti in grado di rendere le case “sensibili” alle necessità delle persone con bisogni speciali e di segnalare possibili eventi a rischio per il benessere dell’individuo stesso.