Nuovo riconoscimento internazionale per un progetto di Visual Journalism di Matteo Moretti, docente della Facoltà di Design e Arti, premiato sabato 27 maggio a Porto.

Dopo aver vinto il Data Journalism Award nel 2015 con il progetto di comunicazione http://www.repubblicapopolaredibolzano.it/, Matteo Moretti, ricercatore e docente della Facoltà di Design e Arti, nel 2016 ha realizzato una piattaforma web www.europadreaming.eu che racconta la crisi europea dei migranti (Academia ne aveva parlato in questo articolo).

Proprio questo progetto è stato premiato con il bronzo agli European Design Award che quest’anno si sono tenuti nella città portoghese di Porto. Europadreaming.eu ha concorso nella categoria 15.4 Infographics – Digital.

L’intenzione alla base del progetto è “aprire una riflessione sul sogno europeo, erroneamente assimilato al trattato di Schengen, che Alexander Langer, nel 1995, definiva un accordo tra polizie e non il migliore modello di integrazione tra le nazioni del continente”, afferma il docente unibz. Per mezzo di interviste, infografiche animate, video, fotografie e testi sulle migrazioni - quelle di oggi e quelle del passato - la ricerca ha provato a mostrare cosa è rimasto del “sogno europeo” dopo oltre vent'anni di cosiddetta “emergenza immigrazione”.

Il team che ha lavorato con Moretti alla creazione di Europadreaming.eu è composto da Monika Weissensteiner (antropologa), Claudia Corrent (fotografa), Massimiliano Boschi (giornalista), Luca Pisoni (etno-archeologo), Tobias Bernard (informatico) e Valeria Burgio (semiologa e ricercatrice in unibz).

Related Articles

Article
App per le confessioni e messe in streaming

Il distanziamento sociale è diventato il nostro pane quotidiano e mai come in questo momento siamo stati così dipendenti dai nuovi media e dalle nuove tecnologie. La loro adozione e diffusione ha subito una accelerazione che in tempi normali avrebbe richiesto anni per diventare realtà ed è ragionevole supporre che in molti casi non torneremo sui nostri passi, ma alcuni cambiamenti diventeranno la normalità anche nel periodo post-crisi. Questa “digitalizzazione forzata” influeza praticamente tutti, pervadendo i più disparati aspetti della nostra vita, dal lavoro alla scuola, dal modo in cui ci teniamo informati e interagiamo con gli altri fino al modo in cui viviamo la nostra stessa spiritualità e religiosità.

Article
A new compulsion to locality

In 2002 the sociologist John Urry defined contemporary man as subject with two fundamental drives: the compulsion to mobility and the compulsion to proximity. Although communication technology allows many of us to avoid the majority of physical movements, society – as well as our personal goals and desires – compels us to move through space in order to reach other bodies, with them we experience situations of proximity in other places. It is not only a matter of choice: there are widespread obligations and expectations in this sense. Urry calls this phenomenon, the globalisation of intermittent presence.

Article
Inklusive Bildung in der Zeit des Fernunterrichts

Unser italienisches Bildungssystem ist in der ganzen Welt dafür bekannt, inklusiv zu sein: ein System, das auf all seinen Ebenen, von der Kinderkrippe bis zur Universität, kein Kind oder Jugendlichen ausschließt. Dies ist schon unter normalen Umständen eine komplexe Aufgabe, in den außergewöhnlichen Zeiten des Fernunterrichts aufgrund der Coronavirus Pandemie nehmen diese Herausforderungen jedoch neue Formen an.

Article
Soziale Distanz - Digitale Nähe

Wir nehmen zurzeit wohl ungewollt am größten sozialpsychologischen Experiment der jüngeren Menschheit teil, an das wir uns noch viele Jahrzehnte lang erinnern werden. Die durch die Coronakrise verordnete soziale Distanz lähmt unsere Gesellschaft. In den sozialen Medien stehen Aufrufe wie „bleibt zu Hause“ und „haltet Abstand“ auf der Tagesordnung. #zerocontatti #iorestoacasa oder #stayathome sind die meistbenutzten Hashtags. Ohnmächtig warten wir ab, was als nächstes geschieht. Wir durften dramatisch erfahren, dass unsere Gesellschaft an Grenzen stößt und sogar Politiker, die die Coronakrise wie die Klimakrise leugnen wollten, haben festgestellt, dass es drastische Maßnahmen zur Eindämmung des Virus braucht.