I diagrammi partecipati di KnowAndBe.live scelti come strumento di sensibilizzazione dal Joint Research Centre della Commissione Europea.

Nel 2018 Matteo Moretti, ricercatore e docente alla Facoltà di Design e Arti e co-fondatore della Piattaforma sul Visual Journalism di unibz, iniziò una collaborazione con KnowAndBe.live, startup di sensibilizzazione sulla prevenzione oncologica. L’obiettivo era quello di stimolare la consapevolezza sulla prevenzione nella lotta contro il cancro.

L’approccio proposto e sperimentato da Moretti è stato quello della materializzazione di dati partecipata, o Participatory Data Physicalization: le statistiche non vengono più visualizzate, ma diventano delle installazioni nello spazio che sfidano i partecipanti sui numeri legati al cancro. Sono nati così i Diagrammi Partecipati, definiti come “una metodologia di apprendimento attivo, esperienziale e condiviso, che fa fronte con successo alla necessità di trovare linguaggi nuovi per ampliare in maniera significativa la cultura della prevenzione e raggiungere nuovi obiettivi collettivi di consapevolezza”.

Matteo Moretti, ricercatore e docente alla Facoltà di Design e Arti.

Recentemente i diagrammi partecipati sono stati scelti come strumento di sensibilizzazione sul cancro dal Joint Research Centre - Directorate for Health, Consumers & Reference Materials - Knowledge for Consumer Health and Safety, ovvero l’unità della Commissione che sostiene le politiche dell’UE in materia di sicurezza alimentare e salute dei consumatori. Un riconoscimento importante del lavoro svolto da Moretti e dalla piattaforma sul Visual Journalism.

I partecipanti rispondono ad una serie di quesiti passando un filo di lana attraverso una serie di anelli, attraverso una serie di domande inizialmente semplici, legate al loro stile di vita, fino a quelle più complesse su numeri specifici legati alla malattia, come ad esempio il numero di persone che ogni anno curano con successo ad un tumore. Da un lato l’esperienza espone i partecipanti alla loro mancanza di consapevolezza sul fenomeno, stimolando di conseguenza una curiosità verso quella che sarà la risposta esatta. Allo stesso tempo il progetto permette di campionare il livello di conoscenza che il pubblico detiene sul tema oncologico. “L’obiettivo è verificare il grado di informazione dei partecipanti e renderli consapevoli del proprio gap informativo, così da suscitare in loro curiosità sulle informazioni corrette per poi guidarli all’apprendimento attraverso il libretto illustrativo che ricevono a fine percorso”, afferma il team di KnowAndBe.live.

“La Participatory Data Physicalization rappresenta un approccio molto interessante, dal punto di vista del design, sia perché offre nuovi spazi per progettare esperienze informative, sia perché dissolve i confini di una serie di discipline verso un’esperienza unica, che unisce product, exhibit, information ed infine interaction design”, commenta Matteo Moretti.

Related Articles

Interview
Genitori si diventa. Anche in condizioni di incertezza

Al giorno d’oggi, come si rappresenta e costruisce la genitorialità in contesti sociali e relazionali caratterizzati da crescente diversità? Cosa comportano le diverse modalità di diventare e fare il genitore in situazioni di insicurezza e di esclusione? Quali sono le forme di supporto alla genitorialità e quali idee di genitorialità, e più in generale, di famiglie rispecchiano? Sono alcune delle domande che stanno alla base del progetto COPING che coinvolge le Università di Bolzano, di Trento (capofila), Trieste e della Calabria. Ne abbiamo parlato con il coordinatore dell’unità locale, Urban Nothdurfter, ricercatore alla Facoltà di Scienze della Formazione a Bressanone.

Reportage
Con il trapano in cerca di storia

Come si differenziavano dal punto di vista genetico gli abitanti della val Pusteria, della val Isarco e della val Venosta nell’Alto Medioevo? Gli studiosi di Eurac Research cercano risposte nel DNA estratto da decine di scheletri. Il lavoro richiede forza e pazienza. Una visita a Valentina Coia, in laboratorio.

Article
Internationale Tagung zu Lernwerkstätten

Spielen - Lernen – Arbeiten: Hochschullernwerkstätten zwischen Kooperation und Kollaboration: Unter diesem Titel treffen sich von 13. bis 15. Februar 2019 am Campus Brixen der Freien Universität Bozen rund 150 PädagogInnen aus ganz Europa zur 12. Internationalen Tagung der Hochschullernwerkstätten.

Interview
Una storia della vocalità afroamericana

“Voci Nere. Storia e antropologia del canto afroamericano" (ed. Mimesis) dell’etnomusicologo e docente unibz Gianpaolo Chiriacò è il primo libro che in Italia prova a tracciare l’evoluzione, dal punto di vista storico e antropologico, della voce afroamericana. Grazie alla prosa coinvolgente, frutto delle sue esperienze giornalistiche, e alla transmedialità del libro - gli inserti di QR-Code permettono di ascoltare e vedere brani e video musicali cui fa riferimento l’autore mentre lo si sta leggendo –, il volume ha il pregio di essere in grado di parlare sia a interlocutori accademici che all’appassionato di musica, accompagnato in un viaggio che spazia tra il Sud degli Stati Uniti e Chicago, la città che ha marchiato come poche altre la storia della musica nera contemporanea.