I diagrammi partecipati di KnowAndBe.live scelti come strumento di sensibilizzazione dal Joint Research Centre della Commissione Europea.

Nel 2018 Matteo Moretti, ricercatore e docente alla Facoltà di Design e Arti e co-fondatore della Piattaforma sul Visual Journalism di unibz, iniziò una collaborazione con KnowAndBe.live, startup di sensibilizzazione sulla prevenzione oncologica. L’obiettivo era quello di stimolare la consapevolezza sulla prevenzione nella lotta contro il cancro.

L’approccio proposto e sperimentato da Moretti è stato quello della materializzazione di dati partecipata, o Participatory Data Physicalization: le statistiche non vengono più visualizzate, ma diventano delle installazioni nello spazio che sfidano i partecipanti sui numeri legati al cancro. Sono nati così i Diagrammi Partecipati, definiti come “una metodologia di apprendimento attivo, esperienziale e condiviso, che fa fronte con successo alla necessità di trovare linguaggi nuovi per ampliare in maniera significativa la cultura della prevenzione e raggiungere nuovi obiettivi collettivi di consapevolezza”.

Matteo Moretti, ricercatore e docente alla Facoltà di Design e Arti.

Recentemente i diagrammi partecipati sono stati scelti come strumento di sensibilizzazione sul cancro dal Joint Research Centre - Directorate for Health, Consumers & Reference Materials - Knowledge for Consumer Health and Safety, ovvero l’unità della Commissione che sostiene le politiche dell’UE in materia di sicurezza alimentare e salute dei consumatori. Un riconoscimento importante del lavoro svolto da Moretti e dalla piattaforma sul Visual Journalism.

I partecipanti rispondono ad una serie di quesiti passando un filo di lana attraverso una serie di anelli, attraverso una serie di domande inizialmente semplici, legate al loro stile di vita, fino a quelle più complesse su numeri specifici legati alla malattia, come ad esempio il numero di persone che ogni anno curano con successo ad un tumore. Da un lato l’esperienza espone i partecipanti alla loro mancanza di consapevolezza sul fenomeno, stimolando di conseguenza una curiosità verso quella che sarà la risposta esatta. Allo stesso tempo il progetto permette di campionare il livello di conoscenza che il pubblico detiene sul tema oncologico. “L’obiettivo è verificare il grado di informazione dei partecipanti e renderli consapevoli del proprio gap informativo, così da suscitare in loro curiosità sulle informazioni corrette per poi guidarli all’apprendimento attraverso il libretto illustrativo che ricevono a fine percorso”, afferma il team di KnowAndBe.live.

“La Participatory Data Physicalization rappresenta un approccio molto interessante, dal punto di vista del design, sia perché offre nuovi spazi per progettare esperienze informative, sia perché dissolve i confini di una serie di discipline verso un’esperienza unica, che unisce product, exhibit, information ed infine interaction design”, commenta Matteo Moretti.

Related Articles

Article
Come le migrazioni continuano a cambiare l'Alto Adige

Fino alla metà degli anni novanta parlare di diversità in Alto Adige voleva dire riferirsi ai tre gruppi linguistici storici. Da allora però il numero di persone con cittadinanza straniera che ha scelto la provincia di Bolzano come nuova casa è in aumento costante e non c’è ragione di credere che il trend si fermerà, nemmeno di fronte alla pandemia. Quasi triplicata negli ultimi vent’anni, da 16.000 presenze nel 2002 a oltre 50.000 nel 2017, la popolazione con background migratorio aggiunge nuova diversità al territorio, aprendo domande e sfide nuove. Nel “Rapporto sulle migrazioni Alto Adige 2020”, 30 studiose e studiosi di sociologia, geografia, diritto, storia, biologia, antropologia, scienze politiche e linguistica di Eurac Research analizzano chi sono i migranti in Alto Adige e come funziona il loro inserimento a scuola, nel mondo del lavoro e sulla scena politica. Cento pagine ricche di testimonianze, infografiche e immagini: il Rapporto è pensato come strumento per supportare le politiche locali, ma anche come lettura divulgativa e come materiale didattico.

Article
App per le confessioni e messe in streaming

Il distanziamento sociale è diventato il nostro pane quotidiano e mai come in questo momento siamo stati così dipendenti dai nuovi media e dalle nuove tecnologie. La loro adozione e diffusione ha subito una accelerazione che in tempi normali avrebbe richiesto anni per diventare realtà ed è ragionevole supporre che in molti casi non torneremo sui nostri passi, ma alcuni cambiamenti diventeranno la normalità anche nel periodo post-crisi. Questa “digitalizzazione forzata” influeza praticamente tutti, pervadendo i più disparati aspetti della nostra vita, dal lavoro alla scuola, dal modo in cui ci teniamo informati e interagiamo con gli altri fino al modo in cui viviamo la nostra stessa spiritualità e religiosità.

Article
A new compulsion to locality

In 2002 the sociologist John Urry defined contemporary man as subject with two fundamental drives: the compulsion to mobility and the compulsion to proximity. Although communication technology allows many of us to avoid the majority of physical movements, society – as well as our personal goals and desires – compels us to move through space in order to reach other bodies, with them we experience situations of proximity in other places. It is not only a matter of choice: there are widespread obligations and expectations in this sense. Urry calls this phenomenon, the globalisation of intermittent presence.

Article
Inklusive Bildung in der Zeit des Fernunterrichts

Unser italienisches Bildungssystem ist in der ganzen Welt dafür bekannt, inklusiv zu sein: ein System, das auf all seinen Ebenen, von der Kinderkrippe bis zur Universität, kein Kind oder Jugendlichen ausschließt. Dies ist schon unter normalen Umständen eine komplexe Aufgabe, in den außergewöhnlichen Zeiten des Fernunterrichts aufgrund der Coronavirus Pandemie nehmen diese Herausforderungen jedoch neue Formen an.