Con AIAQUA, la Libera Università di Bolzano ha presentato il suo secondo spin-off, che si concentra sulla gestione efficiente e sostenibile delle risorse idriche e si basa sui più recenti risultati della ricerca scientifica nel settore. La gestione efficiente dell'acqua è oltremodo importante in quanto influisce inevitabilmente sulla quantità, sempre più ridotta, di acqua potabile disponibile. Secondo le stime nazionali, la sola gestione obsoleta delle reti acquedottistiche è responsabile di una perdita di acqua potabile pari al 40%.

Due dei cinque fondatori di AIAQUA, il professor Francesco Ravazzolo e il ricercatore Andrea Menapace, hanno così riassunto i temi centrali della loro start-up alla conferenza stampa di oggi: "Ottimizzare l'approvvigionamento idrico attraverso la riduzione degli sprechi di acqua ed energia, aumentare la resilienza delle reti, incrementare la sicurezza del servizio, l'efficienza energetica e la pianificazione della manutenzione e del rinnovo degli impianti."

In tempi di crescente richiesta idrica, l'approvvigionamento urbano di acqua potabile - e più in generale anche in ambito irriguo e industriale - sta diventando sempre più difficoltoso a causa di una gestione spesso non efficiente, che non tiene adeguatamente conto di cambiamenti climatici o sociali. A livello nazionale, la perdita di risorse idriche è stimata fino al 40%. Il miglioramento del servizio idrico è necessariamente subordinato ad un'interazione tra rinnovamento tecnologico, gestione sostenibile e pianificazione delle attività. È proprio qui che entra in gioco AIAQUA, offrendo un sistema di consulenza all'avanguardia e soluzioni innovative per la gestione dei sistemi idrici soluzioni basate sui più recenti metodi scientifici. I soci fondatori Andrea Menapace e Ariele Zanfei, due giovani ricercatori della Libera Università di Bolzano, riassumono così la mission di AIAQUA: "Offrire il giusto supporto per la migliore gestione dell'acqua."

AIAQUA si concentra principalmente sul risparmio idrico, energetico ed economico, con l'obiettivo di trovare le soluzioni migliori per la gestione della rete, in linea con i nuovi concetti su cui si basano le smart-and-green grids.

Lo spin-off è entrato a far parte dello Start-up Incubator del NOI Techpark. L’hub altoatesino dell'innovazione rappresenta il luogo ideale per crescere, con il suo ambiente dinamico e con i servizi di supporto e accompagnamento per la ricerca e lo sviluppo. Servizi di cui start-up come AIAQUA hanno bisogno per avere un successo duraturo sul mercato, come ha sottolineato il vicedirettore di NOI Techpark Hubert Hofer durante la conferenza stampa. Per la Libera Università di Bolzano è gratificante che anche il secondo spin-off abbia reso il tema della sostenibilità parte integrante della propria strategia istituzionale, ha detto la presidente prof.ssa Ulrike Tappeiner. L'innovazione sta diventando sempre più importante e, con un servizio all’avanguardia, si può non solo preservare le risorse, ma anche aumentare l’efficienza dei sistemi idrici. L'università è orgogliosa di aver accompagnato AIAQUA verso l'indipendenza.

I servizi di AIAQUA sono pensati principalmente per gli operatori dei servizi idrici. Il servizio comprende un software moderno abbinato ad un sistema di consulenza flessibile. "L'azienda si concentra principalmente sul risparmio idrico, energetico ed economico, con l'obiettivo di trovare le soluzioni migliori per la gestione della rete, in linea con i nuovi concetti su cui si basano le smart-and-green grids", hanno sottolineato i fondatori alla conferenza stampa di oggi. Limitare lo spreco di acqua ed energia, aumentare la resilienza delle reti e l'efficienza energetica, pianificare la manutenzione ed il rinnovo dei sistemi sono pertanto tra i temi chiave di AIAQUA. "L’approccio innovativo e sostenibile rende AIAQUA perfettamente in linea con la nostra visione e con la rete di start-up, aziende e istituti di ricerca che fanno parte di NOI Techpark", ha sottolineato la responsabile dello Start-up Incubator del NOI, Petra Gratl.

Francesco Ravazzolo, Ariele Zanfei e Andrea Menapace

Spin-off
L'azienda AIAQUA si è insediata nell'incubatore di start-up del NOI Techpark. Il carattere innovativo del servizio proposto si mostra negli strumenti di analisi, che comprendono le ultime tecniche di intelligenza artificiale, ottimizzazione, modellazione idraulica e apprendimento automatico e che utilizzano un sistema di gestione user-friendly.

Related Articles

Article
Auf dem Weg in Richtung Klimaneutralität: Szenarien für Südtirol

Eurac Research hat im Auftrag des Landes eine umfassende technische Studie erstellt

Article
Centrale idroelettrica sul Rio Saldura: uno studio di cinque anni non mostra cambiamenti significativi dell’ecologia del fiume

Un team di Eurac Research ha studiato gli organismi presenti nel torrente che scorre in Val di Mazia prima e dopo l'entrata in funzione della piccola centrale elettrica.

Article
Diagnosi precoce dell’ictus cerebrale. unibz nel consorzio di ricerca nazionale

La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche è il partner tecnologico di un consorzio di università ed enti pubblici che, nei prossimi quattro anni, collaboreranno nell’ambito del progetto pilota nazionale “POS-T2-STROKE” (capofila l’Università de L’Aquila). Il gruppo di ricerca, guidato dal prof. Enrico Franconi, è incaricato di sviluppare gli algoritmi di intelligenza artificiale che renderanno possibili la diagnosi e il trattamento rapido dell’ictus cerebrale in fase acuta.

Article
Quali sono gli effetti dello stress da calore sugli animali da allevamento e sulle piante?

L’estate di quest’anno dimostra ancora una volta come molti ambiti dell’esistenza umana dovranno adattarsi alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Alla Facoltà di Scienze e Tecnologie, il mutamento delle condizioni ambientali da anni è al centro di ricerche in settori quali la zootecnia, la fisiologia vegetale o l’entomologia agraria e forestale. Per i*le ricercatori*rici, l’ondata di calore delle ultime settimane è un’ulteriore prova della necessità di adeguare i metodi di produzione e coltivazione.