Gli importanti risultati raggiunti nel campo della bioinformatica e della medicina di emergenza in montagna sono valsi a Eurac Research un doppio riconoscimento. Christian Fuchsberger, ingegnere informatico, e Giacomo Strapazzon, medico, hanno rappresentato il centro di ricerca altoatesino alla cerimonia di consegna del premio per la ricerca 2017 della Provincia Autonoma di Bolzano.

Il primo premio è stato conferito a Christian Fuchsberger. Nella sua attività di ricerca, il bioinformatico altoatesino si occupa di sviluppare nuovi software per processare enormi quantità di dati e individuare le mutazioni genetiche responsabili dell’insorgere di alcune malattie, in particolare del diabete che in Alto Adige interessa circa 20 mila persone. Fino al 2005 erano state individuate cinque mutazioni genetiche collegate a questa malattia. Grazie ai software di Fuchsberger, oggi conosciamo 150 mutazioni e i costi delle analisi sono scesi da 1000 euro a 40.

Tra i finalisti del premio anche Giacomo Strapazzon che con i suoi studi ha contribuito a migliorare le chance di sopravvivenza delle vittime di valanga.

Il premio, del valore di 40mila euro, viene conferito ogni due anni a un ricercatore under 40 che ha già svolto eccellenti attività di ricerca e dal quale si attendono ulteriori importanti risultati nel corso della carriera scientifica.

Related Articles

Article
Mummy research: Ancient dental calculus - new insights into the evolution of oral microbiota

A research team from Eurac Research and the University of Trento has examined ancient calculus samples from skeletal remains from South Tyrol and Trentino and discovered previously unknown species of microorganisms.

Article
Grüne Lösungen für klimafreundlichere, lebenswertere Städte

Bozen und Meran sind Pilotgebiete in einem von Eurac Research koordinierten EU-Projekt, das neue Wege erforscht, mit Hilfe der Natur urbanen Herausforderungen zu begegnen.

Article
Ricerca identifica i tre fattori principali che controllano il comportamento e le risposte degli ecosistemi terrestri

Un gruppo di ricercatori internazionali, guidato dal Max Planck Institute for Biogeochemistry (Jena, Germania) e comprendente Libera Università di Bolzano e Ripartizione Foreste della Provincia di Bolzano oltre a ARPA Valle d’Aosta, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, ha identificato tre funzioni chiave che governano il comportamento degli ecosistemi e che sono legate alla loro efficienza nell’utilizzo di carbonio e acqua. L’osservazione di queste tre funzioni chiave permetterà di monitorare e studiare il comportamento degli ecosistemi terrestri e di capire la loro sensibilità ai cambiamenti climatici e ambientali in atto, contribuendo all’ottimizzazione della loro gestione.

Article
Mobilità elettrica: la svolta è cominciata

Un nuovo dossier di Eurac Research fa il punto di finanze, tecnologie e politiche sulla base delle ricerche più attuali.