Marco Gobbetti, ai vertici della Microbiologia alimentare mondiale, insegna e fa ricerca in unibz. Professore alla Facoltà di Scienze e Tecnologie, a Bolzano dal 2017, Gobbetti è stato recentemente classificato da Google Scholar al numero uno per citazioni dei suoi articoli scientifici nel settore “Food Microbiology”.

Il giudizio arriva dal motore di ricerca di Google dedicato al mondo accademico e della ricerca, Google Scholar che, nel settore “Food Microbiology”, al 21 gennaio 2019, classifica Marco Gobbetti al primo posto con 20.113 citazioni (basandosi quindi del giudizio di colleghi scienziati) che supera di misura Nagendra P. Shah, docente dell’Università di Hong Kong.

Il prof. Marco Gobbetti, ordinario di Microbiologia Agraria, è uno dei maggiori esperti italiani di Microbiologia degli Alimenti. Originario di Perugia, prima di approdare alla Libera Università di Bolzano, Gobbetti è stato professore ordinario all’Università degli Studi di Bari dal 2000 al 2016. Tra i numerosi incarichi, il docente è membro del Comitato per la Biosicurezza, Biotecnologie e Scienza della Vita istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, membro del Consiglio Universitario Nazionale, membro del Nucleo di valutazione dell’Università degli studi di Perugia e membro del Search Committe del MIUR per la nomina del Comitato Nazionale dei Garanti della Ricerca. Al suo attivo ha oltre 400 pubblicazioni scientifiche. Responsabile di oltre 120 progetti di trasferimento tecnologico finanziati direttamente da aziende del settore alimentare e farmaceutico, nazionali ed internazionali, Gobbetti è autore di otto brevetti (quattro dei quali riguardano prodotti di largo consumo).

Al NOI, il parco tecnologico che sorge a Bolzano sud, il prof. Gobbetti dirige, assieme alla prof.ssa Raffaella Di Cagno (14° a livello mondiale su Google Scholar) il laboratorio “Food Microbiology Lab” dell’università e un team di dieci ricercatori.

La sua ricerca si concentra sui processi di trasformazione degli alimenti che prevedono l’impiego dei microrganismi, principalmente batteri lattici, sulle strategie biotecnologiche per la produzione di alimenti senza glutine e funzionali e sullo studio dell’asse alimenti – microbioma intestinale dell’uomo. In particolare, fermentazioni per la produzione di bevande e alimenti tipici e tradizionali, quali prodotti lievitati da forno, formaggi e bevande lattiche, e derivati da altri vegetali e frutti con la finalità di migliorare le caratteristiche sensoriali e nutrizionali, estendere la conservazione con metodi naturali e creare valore aggiunto mediante l’impiego di sottoprodotti o surplus.

Dall’anno accademico 2018/19, in unibz Gobbetti ha avviato e dirige un dottorato di ricerca internazionale in Food Biotechnology and engineering e una laurea magistrale internazionale in Food Sciences for Innovation and Authenticity (offerta in collaborazione con le Università di Parma, Udine, Technische Universität di Monaco di Baviera e Cork) e sostenuta dai maggiori players del settore agroalimentare italiano.

Related Articles

Article
Mummy research: Ancient dental calculus - new insights into the evolution of oral microbiota

A research team from Eurac Research and the University of Trento has examined ancient calculus samples from skeletal remains from South Tyrol and Trentino and discovered previously unknown species of microorganisms.

Article
Grüne Lösungen für klimafreundlichere, lebenswertere Städte

Bozen und Meran sind Pilotgebiete in einem von Eurac Research koordinierten EU-Projekt, das neue Wege erforscht, mit Hilfe der Natur urbanen Herausforderungen zu begegnen.

Article
Ricerca identifica i tre fattori principali che controllano il comportamento e le risposte degli ecosistemi terrestri

Un gruppo di ricercatori internazionali, guidato dal Max Planck Institute for Biogeochemistry (Jena, Germania) e comprendente Libera Università di Bolzano e Ripartizione Foreste della Provincia di Bolzano oltre a ARPA Valle d’Aosta, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, ha identificato tre funzioni chiave che governano il comportamento degli ecosistemi e che sono legate alla loro efficienza nell’utilizzo di carbonio e acqua. L’osservazione di queste tre funzioni chiave permetterà di monitorare e studiare il comportamento degli ecosistemi terrestri e di capire la loro sensibilità ai cambiamenti climatici e ambientali in atto, contribuendo all’ottimizzazione della loro gestione.

Article
Mobilità elettrica: la svolta è cominciata

Un nuovo dossier di Eurac Research fa il punto di finanze, tecnologie e politiche sulla base delle ricerche più attuali.