© Eurac Research/Annelie Bortolotti

Dati ed esempi di successo di questa forma di turismo sostenibile nelle aree rurali: sono raccontati in Eurac Research da esperti e protagonisti .

In Italia negli ultimi dieci anni il numero di fattorie che offrono attività di agriturismo è cresciuto di oltre il 60 per cento. Secondo i dati ISTAT, nel 2017 erano 23.406 le aziende agrituristiche autorizzate con un fatturato di 1,36 miliardi di euro, in crescita del 6,7% rispetto all’anno precedente. In Italia uno dei territori più di successo da questo punto di vista, insieme alla Toscana, è l’Alto Adige: delle oltre 20000 aziende agricole altoatesine, circa 3000 offrono servizi turistici complementari alla loro attività agricola. Delle sfide e delle possibili prospettive future di questa particolare forma di turismo, si parla nel primo congresso mondiale sull’argomento, organizzato da Eurac Research a Bolzano dal 7 al 9 novembre.

Sono 100 e vengono da 42 paesi i relatori invitati a portare la propria esperienza al Primo congresso mondiale sull’agriturismo: si tratta di ricercatori, esperti, stakeholder, professionisti e rappresentanti politici. I partecipanti alle tre giornate di incontri sono più di 250. “Abbiamo voluto creare una piattaforma internazionale sul tema agriturismo,” afferma Thomas Streifeneder, direttore dell’Istituto per lo sviluppo regionale di Eurac Research e tra gli organizzatori del congresso, “un luogo in cui i protagonisti e gli esperti del settore possano scambiare esperienze e conoscenze, in modo interdisciplinare. Il focus ovviamente non è solo sull’Alto Adige, ma su tutto il mondo”.

Ma che cos’è un agriturismo? A fronte di un’offerta così variegata, durante il congresso si vuole trovare un accordo sulle caratteristiche chiave. “Per agriturismo si intende una attività turistica in una fattoria funzionante, spesso a gestione familiare. L’agricoltura deve rimanere il settore in cui il contadino dedica più tempo rispetto al turismo. Le attività quotidiane dei contadini sono la base per un’offerta genuina,” spiega Streifeneder.

© Eurac Research/Annelie Bortolotti

I partecipanti al congresso mondiale sull'agriturismo

In Alto Adige l’agriturismo ha una lunga tradizione. “Accanto alla frutta, al latte e al vino, l’agriturismo è diventata la quarta colonna dell’agricoltura altoatesina”, afferma Leo Tiefenthaler, presidente dell’Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Altoatesini che ha co-sviluppato l’evento. “Il comparto dell’agriturismo in Alto Adige, per fatturato, è infatti equiparabile a quello della viticoltura. I 2,5 milioni di pernottamenti in agriturismo equivalgono all’8 per cento del totale dei pernottamenti in provincia”.

Ma l’agriturismo è anche una forma di turismo sostenibile. Con le opportune policy, potrebbe aiutare i paesi in via di sviluppo a mantenere in vita le piccole aziende agricole in zone periferiche, generando un reddito aggiuntivo; dunque è un’attività che può salvaguardare l’agricoltura di struttura piccola e contribuire al mantenimento delle comunità rurali. Un esempio raccontato durante il congresso è Acolhida na Colônia, un network di aziende agroturistiche familiari in Brasile analizzato in comparazione con il marchio altoatesino Gallo Rosso per capire come possa essere un mezzo per lo sviluppo sostenibile del territorio. Jacqui Taylor invece, fondatrice della rete Agritourism South Africa con oltre 30 anni di esperienza nel settore, racconta delle opportunità offerte dall’agriturismo nel continente africano.

Il congresso è organizzato da Eurac Research, in collaborazione con la Provincia Autonoma di Bolzano, l’Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Altoatesini, la rete di agriturismi altoatesini Gallo Rosso, Città di Bolzano e IDM – Alto Adige.

Related Articles

Article
Sicurezza negli alvei dei fiumi. Una ricerca individua le vie di fuga più “scientifiche”

Nello studio, svolto dal gruppo di ricerca in Dinamica dei fluidi e pubblicato sulla rivista interdisciplinare “Science of the Total Environment”, è descritta la metodologia che potrebbe permettere ai pianificatori del territorio e alle autorità di bacino di individuare ed indicare alla popolazione le vie più sicure di accesso e di uscita dai corsi d’acqua sui cui sono stati costruiti impianti idroelettrici.

Article
Il suggeritore "responsabile"

Coniugare sostenibilità ambientale e diversificazione turistica grazie ai recommender system? Si può fare. O almeno è la scommessa di David Massimo, dottorando alla Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche, che, assieme al prof. Francesco Ricci, ha sviluppato una tecnologia che promette di rivoluzionare il funzionamento dei suggeritori automatici cui ci hanno abituato i siti di e-commerce e le più grandi piattaforme internet, da YouTube a Spotify.

Interview
Achtung auf die Emotionen!

In die EU-Geldpolitik soll wieder Normalität einziehen: Das Anleihekaufprogramm der EZB läuft demnächst aus, und die Zinsen werden steigen. Was bedeutet das für Europa und Italien? Der Verhaltensökonom Martin Kocher über Leidensdruck als Voraussetzung für Reformen, kostspielige Politikerstatements und wirtschaftswissenschaftliche Forschung, die zu besseren Entscheidungen führt.

Article
Die Kuh darf nicht nur Kulisse sein

Was macht Agrotourismus aus? Kann man dafür international verbindliche Kriterien
festlegen? Auf dem ersten Weltkongress am Bozner Forschungszentrum Eurac Research
wurden Erfahrungen und Ansichten aus 40 Ländern ausgetauscht.