© Eurac Research/Marco Samadelli

Sono passati quasi quattro anni, da quando Marco Samadelli, esperto di conservazione di Eurac Research, ha ottenuto il primo brevetto, per la sua vetrina stagna in grado di preservare le mummie da funghi e batteri. Successivamente, Samadelli ha migliorato la propria invenzione dotando la teca di un compensatore di pressione che la protegge dal rischio di incrinature dovuto agli sbalzi di temperatura. Ora questo dispositivo ha ufficialmente ricevuto il brevetto e lo studio che ha portato alla sua realizzazione è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of Cultural Heritage”.

La piccola Rosalia Lombardo, morta a due anni nel 1920, e la principessa Anna di Baviera (nata nel 1329) sono state le prime ospiti di questa teca che rivoluziona le tradizionali tecniche di esposizione delle mummie. Oltre a garantire un ambiente stagno con atmosfera modificata, in cui funghi e batteri non riescono a penetrare, la teca di Samadelli è provvista di un compensatore di pressione che scongiura il pericolo di incrinatura; la teca infatti si scalda e si raffredda in base alla temperatura esterna, ed essendo perfettamente sigillata correva il rischio di frantumarsi. Per questo Samadelli ha progettato un dispositivo da collegare alla vetrina: quando la pressione interna supera la soglia di allarme, l’azoto in eccesso defluisce attraverso un piccolo tubo d’acciaio e va a gonfiare una sacca sottostante. Il compensatore funziona senza elettricità ed è molto sensibile, bastano pochi millibar perché reagisca. Per dimensionarlo, Samadelli ha misurato l’escursione termica nelle catacombe di Palermo e nella cattedrale di Kastl – dove le temperature variano da - 3 a + 27 gradi. “Questo lavoro approfondisce lo studio della conservazione degli oggetti di interesse storico-artistico di natura organica, valutando sia le necessità conservative di tipo biologico, che quelle chimico-fisiche”, spiega Samadelli che per realizzare la teca si è basato sugli studi di Shin Mekawa, ricercatore del prestigioso Getty Conservation Institute di Los Angeles, che negli anni Settanta ha realizzato un prototipo di vetrina per conservare le mummie reali esposte al Cairo. “Le teche del GCI erano molto basilari, ma hanno avuto il merito di introdurre un nuovo concetto di conservazione basato sulla creazione di un ambiente anaerobico di tipo passivo. Cinquant’anni dopo, la tecnologia e i materiali di cui oggi disponiamo mi hanno permesso di affinare il prototipo originale”, conclude Samadelli.

L’abstract dell’articolo “Development of passive controlled atmosphere display cases for the conservation of cultural assets” può essere letto qui: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1296207417308130

Related Articles

Article
Nuovi indizi sulla storia dell’Alto Adige nel medioevo

I ricercatori di Eurac Research hanno individuato casi di scorbuto dall’analisi di scheletri risalenti all’Alto Medioevo e rinvenuti nel cimitero di Castel Tirolo.

Article
DNA frühmittelalterlicher Alemannen-Krieger und ihres Gefolges entschlüsselt

Forscher von Eurac Research und des Max-Planck-Instituts für Menschheitsgeschichte analysieren Knochenreste aus der Zeit zwischen 590 und 630 n. Chr.

Article
Ötzis letzte Mahlzeit weist hohen Fettanteil auf

Mumienforscher von Eurac Research analysieren Mageninhalt der Gletschermumie und erlangen neue Erkenntnisse zur Ernährung und Nahrungszubereitung vor 5.300 Jahren.

Interview
Da Capo Verde all’Alto Adige per studiare e prevenire la violenza giovanile

Dalla laurea specialistica in pedagogia interculturale all’Università di Verona al dottorato in Pedagogia alla Facoltà di Scienze della Formazione a Bressanone, passando per Capo Verde. È il tragitto peculiare di studio e di vita di Stefania Bortolotti che, prima di vincere le selezioni per il dottorato in unibz, ha lavorato per oltre 10 anni nei centri socio-educativi della città di Praia, a sud dell’isola di Santiago.