© Eurac Research/Matteo Dainese

Quando pensiamo alla vegetazione in alta quota o nella tundra subpolare, nell’immaginario comune si proiettano distese di licheni e tutt’al più caparbie piantine rasoterra. Nella realtà però le cose starebbero cambiando. Secondo uno studio internazionale al quale ha contribuito anche Eurac Research a causa del riscaldamento globale le piante che vivono nelle regioni con temperature più rigide sono infatti sempre più alte, con relative conseguenze sull’intero ecosistema.

Lo studio, pubblicato su Nature in questi giorni, ha confermato questo trend mettendo a confronti dati provenienti da 117 siti sparsi tra Alaska, Canada, Scandinavia, Islanda, isole Svalbard, Siberia, Alpi e Colorado. I ricercatori di oltre cento centri di ricerca, guidati dal German Centre for Integrative Biodiversity Research (Centro tedesco per la ricerca integrata sulla biodiversità), hanno raccolto e analizzato informazioni su temperatura, umidità del suolo e alcune caratteristiche funzionali delle piante come la loro altezza o la morfologia fogliare.
Negli ultimi trent’anni l’altezza media della vegetazione della tundra, composta per esempio di mirtilli, azalee prostrate, betulle nane, papaveri gialli e potentille, è cresciuta di circa 0.06 centimetri ogni anno. Questo dato è sorprendente per la durata relativamente breve dello studio. Se le piante continueranno a crescere con questi ritmi, entro la fine del secolo potrebbero essere più alte del 20-60%.

Principalmente questo cambiamento è dovuto all’arrivo di specie più alte da regioni più calde piuttosto che alla perdita di quelle più basse o al differente rapporto tra specie a favore di quelle più alte.
“Oltre alle caratteristiche del cambiamento, dobbiamo considerare gli impatti a catena sugli ecosistemi”, precisa l’ecologo di Eurac Research Matteo Dainese. “Piante più alte potrebbero influenzare i processi di decomposizione nel suolo o il ciclo del carbonio”.
Dal prossimo anno i ricercatori di Eurac Research e i loro partner internazionali potranno svolgere esperimenti su come la vegetazione reagisca alle variazioni di temperatura e umidità anche all’interno delle camere di simulazione climatica di terraXcube.

Paper completo: https://www.nature.com/articles/s41586-018-0563-7

Related Articles

Article
Mount Everest in Bozen

Eurac Research feiert die Fertigstellung des Extremklimasimulators terraXcube.

Article
Mappe della neve a livello mondiale per capire i cambiamenti climatici

Eurac Research unico partner italiano nel team del progetto finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea.

Article
Increasing human security and sustainable development in mountainous regions worldwide

Eurac Research and United Nations University are strengthening their cooperation with the aim of improving the living conditions of people in mountainous regions.

Article
Corridoio Bologna-Monaco: anche unibz nel consorzio del progetto 5G-Carmen

La mobilità connessa sull’asse stradale del Brennero passa anche attraverso la ricerca di unibz. La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche è uno dei partner del progetto triennale con capofila l’FBK di Trento. “Il nostro compito sarà l’ottimizzazione dell’edge computing, per rendere la rete più flessibile e affidabile”, afferma il prof. Claus Pahl, responsabile del progetto per unibz.