© Eurac Research/Matteo Dainese

Quando pensiamo alla vegetazione in alta quota o nella tundra subpolare, nell’immaginario comune si proiettano distese di licheni e tutt’al più caparbie piantine rasoterra. Nella realtà però le cose starebbero cambiando. Secondo uno studio internazionale al quale ha contribuito anche Eurac Research a causa del riscaldamento globale le piante che vivono nelle regioni con temperature più rigide sono infatti sempre più alte, con relative conseguenze sull’intero ecosistema.

Lo studio, pubblicato su Nature in questi giorni, ha confermato questo trend mettendo a confronti dati provenienti da 117 siti sparsi tra Alaska, Canada, Scandinavia, Islanda, isole Svalbard, Siberia, Alpi e Colorado. I ricercatori di oltre cento centri di ricerca, guidati dal German Centre for Integrative Biodiversity Research (Centro tedesco per la ricerca integrata sulla biodiversità), hanno raccolto e analizzato informazioni su temperatura, umidità del suolo e alcune caratteristiche funzionali delle piante come la loro altezza o la morfologia fogliare.
Negli ultimi trent’anni l’altezza media della vegetazione della tundra, composta per esempio di mirtilli, azalee prostrate, betulle nane, papaveri gialli e potentille, è cresciuta di circa 0.06 centimetri ogni anno. Questo dato è sorprendente per la durata relativamente breve dello studio. Se le piante continueranno a crescere con questi ritmi, entro la fine del secolo potrebbero essere più alte del 20-60%.

Principalmente questo cambiamento è dovuto all’arrivo di specie più alte da regioni più calde piuttosto che alla perdita di quelle più basse o al differente rapporto tra specie a favore di quelle più alte.
“Oltre alle caratteristiche del cambiamento, dobbiamo considerare gli impatti a catena sugli ecosistemi”, precisa l’ecologo di Eurac Research Matteo Dainese. “Piante più alte potrebbero influenzare i processi di decomposizione nel suolo o il ciclo del carbonio”.
Dal prossimo anno i ricercatori di Eurac Research e i loro partner internazionali potranno svolgere esperimenti su come la vegetazione reagisca alle variazioni di temperatura e umidità anche all’interno delle camere di simulazione climatica di terraXcube.

Paper completo: https://www.nature.com/articles/s41586-018-0563-7

Related Articles

Article
Fiori e siepi nei campi: più biodiversità migliora il raccolto

Lo dimostra uno studio internazionale coordinato da Eurac Research e dall’Università di Würzburg.

Article
Campionamento armato

Sono passati cinque anni da quando sono atterrata per la prima volta alle isole Svalbard. Il mio primo sopralluogo in Artico, nel giugno 2015, serviva per controllare le stazioni di terra e definire aree con vegetazione omogenea.

Article
The Earth First: A Spiritual Leader Comes to Town

Tom Porter or Sakokwenionk (“The One Who Wins”), the spiritual leader of the Native American Indigenous Mohawk, comes to Eurac Research to work with design students from the Free University of Bozen-Bolzano and pupils from a liceo linguistico and spread his message of harmony with the planet.

Article
Was Wildtiere über unsere Landschaft sagen

Südtirols Landschaft hat sich in den vergangenen Jahrzehnten stark verändert: Alm- und Waldweiden sowie Ackerflächen wurden vielerorts aufgegeben, intensiv bewirtschaftete Grünlandflächen, Obstund Weinbaukulturen haben sich ausgebreitet; Wälder wurden dichter, Siedlungen sind gewachsen. Insgesamt hat die landschaftliche Vielfalt abgenommen. Das einst typische Mosaik aus kleinen Feldern und Äckern ist weitgehend verschwunden. Wandelt sich die Landschaft, verändert sich auch der Lebensraum für Wildtiere. Im Extremfall verschwinden Habitate ganz – folglich auch Tierarten, die darauf spezialisiert sind. Manche Arten kommen somit immer seltener vor, andere Populationen wachsen.