© Eurac Research/Matteo Dainese

Quando pensiamo alla vegetazione in alta quota o nella tundra subpolare, nell’immaginario comune si proiettano distese di licheni e tutt’al più caparbie piantine rasoterra. Nella realtà però le cose starebbero cambiando. Secondo uno studio internazionale al quale ha contribuito anche Eurac Research a causa del riscaldamento globale le piante che vivono nelle regioni con temperature più rigide sono infatti sempre più alte, con relative conseguenze sull’intero ecosistema.

Lo studio, pubblicato su Nature in questi giorni, ha confermato questo trend mettendo a confronti dati provenienti da 117 siti sparsi tra Alaska, Canada, Scandinavia, Islanda, isole Svalbard, Siberia, Alpi e Colorado. I ricercatori di oltre cento centri di ricerca, guidati dal German Centre for Integrative Biodiversity Research (Centro tedesco per la ricerca integrata sulla biodiversità), hanno raccolto e analizzato informazioni su temperatura, umidità del suolo e alcune caratteristiche funzionali delle piante come la loro altezza o la morfologia fogliare.
Negli ultimi trent’anni l’altezza media della vegetazione della tundra, composta per esempio di mirtilli, azalee prostrate, betulle nane, papaveri gialli e potentille, è cresciuta di circa 0.06 centimetri ogni anno. Questo dato è sorprendente per la durata relativamente breve dello studio. Se le piante continueranno a crescere con questi ritmi, entro la fine del secolo potrebbero essere più alte del 20-60%.

Principalmente questo cambiamento è dovuto all’arrivo di specie più alte da regioni più calde piuttosto che alla perdita di quelle più basse o al differente rapporto tra specie a favore di quelle più alte.
“Oltre alle caratteristiche del cambiamento, dobbiamo considerare gli impatti a catena sugli ecosistemi”, precisa l’ecologo di Eurac Research Matteo Dainese. “Piante più alte potrebbero influenzare i processi di decomposizione nel suolo o il ciclo del carbonio”.
Dal prossimo anno i ricercatori di Eurac Research e i loro partner internazionali potranno svolgere esperimenti su come la vegetazione reagisca alle variazioni di temperatura e umidità anche all’interno delle camere di simulazione climatica di terraXcube.

Paper completo: https://www.nature.com/articles/s41586-018-0563-7

Related Articles

Article
Il suggeritore "responsabile"

Coniugare sostenibilità ambientale e diversificazione turistica grazie ai recommender system? Si può fare. O almeno è la scommessa di David Massimo, dottorando alla Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche, che, assieme al prof. Francesco Ricci, ha sviluppato una tecnologia che promette di rivoluzionare il funzionamento dei suggeritori automatici cui ci hanno abituato i siti di e-commerce e le più grandi piattaforme internet, da YouTube a Spotify.

Article
Safeguarding Global Mountains

A new scientific partnership between Eurac Research and the United Nations University emphasises the stature of mountains as a key component of global ecological stability.

Interview
Zyankaliproduktion herunterfahren!

Pflanzen und Tiere haben es sich über Jahrmillionen auf der Erde eingerichtet bis der Mensch kam. Er ist Hauptverursacher des neues Massensterbens. Ulrike Tappeiner, Leiterin des Instituts für Alpine Umwelt (Eurac Research) und Präsidentin der Freien Universität Bozen, über Nahrungsnetze, den gemeinen Weißklee und das großangelegte Biodiversitätsmonitoring Südtirol.

Article
“Tutto il bello della scienza”. Il nuovo numero della rivista Academia

Quanta bellezza ci regala la ricerca? In che modo i ricercatori si occupano di aspetti della bellezza nella loro attività scientifica? Per il numero 79 di Academia, la rivista di divulgazione scientifica di unibz e Eurac Research, la redazione lo ha chiesto ai protagonisti del mondo accademico e della ricerca altoatesino: ingegneri, teorici dell’arte, agronomi, biologi, esperti di sviluppo regionale, informatici, economisti. Loro stessi hanno fatto una scoperta: c’è del bello da scoprire, anche dove, all’inizio, non sarebbe sembrato.