© Ivo Corrà/Eurac Research

I ricercatori di Eurac Research contribuiscono con gli studi sul monitoraggio della neve.

Metà della popolazione mondiale riceve acqua potabile dalle regioni di montagna. Possiamo vedere con i nostri occhi come i ghiacciai si ritirino in seguito all’aumento delle temperature globali. In tutto il mondo, circa quattro miliardi di persone devono convivere con la scarsità d’acqua per almeno un mese all’anno. Inoltre, l’andamento delle precipitazioni sta cambiando, aumentando il rischio di pericoli naturali come inondazioni e valanghe anche in Alto Adige. Nel corso di una conferenza dell’ONU che si terrà a Ginevra dal 29 al 31 ottobre, si discuterà di come affrontare queste sfide. Per affrontare rischi climatici come eventi meteorologici estremi, scioglimento del permafrost o valanghe, gli esperti vogliono stabilire procedure e sistemi di allerta basati su dati scientifici. Eurac Research ha avviato un’intensa collaborazione con l’Università delle Nazioni Unite proprio su questi temi e a Ginevra presenterà i risultati del monitoraggio della neve.

Insieme a partner di ricerca da tutto il mondo, gli esperti di Eurac Research stanno raccogliendo dati satellitari sulla copertura nevosa e li confrontano con le misurazioni ottenute dai sensori installati nel terreno per comprendere i cambiamenti climatici degli ultimi decenni. “Questi dati si traducono in modelli che aiutano a gestire meglio la risorsa idrica e che possono essere applicati alle regioni montane di tutto il mondo. È proprio questo aspetto a renderli interessanti agli occhi degli esperti riuniti a Ginevra”, spiega Claudia Notarnicola, fisica di Eurac Research.

Stefan Schneiderbauer, geografo del centro di ricerca bolzanino, parteciperà alla conferenza in veste di responsabile di Glomos: il programma dell’ONU per la salvaguardia delle aree montane di tutto il mondo, portato avanti congiuntamente da Eurac Research e Università delle Nazioni Unite (UNU). Il programma permette di trasferire i modelli di successo testati in alcune regioni in altri luoghi del mondo. I ricercatori hanno sviluppato un metodo per capire quali effetti dei cambiamenti climatici dovrebbero essere considerati prioritari e come affrontarli. “L’agricoltura, ad esempio, si adatta in maniera più flessibile ai cambiamenti climatici rispetto alla silvicoltura. Mentre la perdita del raccolto di solito è limitata ad un’annata e l’anno successivo si può decidere di coltivare prodotti diversi, il bosco ha bisogno di molto tempo per riprendersi, ad esempio, dai danni causati dalle tempeste. Le misure a favore delle foreste devono quindi essere classificate in modo diverso. Queste valutazioni del rischio climatico sono già state testate con successo in Europa e ora verranno trasferite nelle zone montane dell'Africa meridionale”, racconta Schneiderbauer.

La conferenza di Ginevra è organizzata dall’Organizzazione mondiale di meteorologia.
I cambiamenti climatici minacciano anche i cicli economici, la produzione di cibo a livello a globale e la sicurezza alimentare. Per questo – oltre alle principali organizzazioni internazionali che si occupano di aree montane – sono partner della conferenza anche la Banca Mondiale e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Related Articles

Api e pesticidi. Il colore del polline aiuta a scoprire la contaminazione chimica e la dispersione dei pesticidi

Grazie alla separazione dei pollini in base al colore, l’analisi chimica e palinologica per determinare l’estensione dell’inquinamento da antiparassitari sarà molto più accurata. Il polline raccolto dalle piante esterne alle zone coltivate evidenzia la stessa quantità di residui chimici dei meleti oggetto dell’indagine. La scoperta da uno studio di Sergio Angeli, entomologo e docente della Facoltà di Scienze e Tecnologie.

Article
"We like what's good for us"

Certain forms in the landscape and in architecture appeal to us more than others, and the arrangement and complexity of the shapes in them play a role in this. However, the phenomenon goes beyond an intuitive preference for certain landscape forms: studies show that these forms also have a positive effect on mental and physical health. For example, in the sight of natural landscapes, people find relaxation, stress decreases measurably, and patients recover much more fully and faster with a view of nature.

Article
Dem Borkenkäfer auf der Spur

Der Fichtenborkenkäfer Ips typographus, umgangssprachlich auch Buchdrucker genannt, ist der wichtigste Forstschädling in Europa. In den vergangenen Jahren erhielt er infolge des durch Windwürfe und starke Schneefälle geschädigten Fichtenbestands zusätzlichen Auftrieb. Um die Aggressivität und das Schadpotential des Buchdruckers besser zu verstehen und so zu einer genaueren Vorhersage von Befall beitragen, werden in einem Interreg-Projekt der Freien Universität Bozen, der Universität Padua und der Universität für Bodenkultur Wien nun mit dem Schädling assoziierte Bakterien und Pilze untersucht.

Article
C’è meno neve nel 78 per cento delle aree montane di tutto il mondo

Quasi venti anni di analisi (2000-2018) raccolti in un'unica mappa che mostra la copertura nevosa delle aree montane di tutto il mondo. Combinando immagini satellitari in alta risoluzione, misure a terra e modelli di simulazione, Claudia Notarnicola, fisica di Eurac Research, ha elaborato un quadro completo che evidenzia dati preoccupanti, soprattutto in alta quota. Sopra i 4000 metri, infatti, tutti i parametri osservati – tra cui estensione della superficie nevosa, durata della neve, temperatura dell’aria – sono in peggioramento.