Marco Gobbetti, ai vertici della Microbiologia alimentare mondiale, insegna e fa ricerca in unibz. Professore alla Facoltà di Scienze e Tecnologie, a Bolzano dal 2017, Gobbetti è stato recentemente classificato da Google Scholar al numero uno per citazioni dei suoi articoli scientifici nel settore “Food Microbiology”.

Il giudizio arriva dal motore di ricerca di Google dedicato al mondo accademico e della ricerca, Google Scholar che, nel settore “Food Microbiology”, al 21 gennaio 2019, classifica Marco Gobbetti al primo posto con 20.113 citazioni (basandosi quindi del giudizio di colleghi scienziati) che supera di misura Nagendra P. Shah, docente dell’Università di Hong Kong.

Il prof. Marco Gobbetti, ordinario di Microbiologia Agraria, è uno dei maggiori esperti italiani di Microbiologia degli Alimenti. Originario di Perugia, prima di approdare alla Libera Università di Bolzano, Gobbetti è stato professore ordinario all’Università degli Studi di Bari dal 2000 al 2016. Tra i numerosi incarichi, il docente è membro del Comitato per la Biosicurezza, Biotecnologie e Scienza della Vita istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, membro del Consiglio Universitario Nazionale, membro del Nucleo di valutazione dell’Università degli studi di Perugia e membro del Search Committe del MIUR per la nomina del Comitato Nazionale dei Garanti della Ricerca. Al suo attivo ha oltre 400 pubblicazioni scientifiche. Responsabile di oltre 120 progetti di trasferimento tecnologico finanziati direttamente da aziende del settore alimentare e farmaceutico, nazionali ed internazionali, Gobbetti è autore di otto brevetti (quattro dei quali riguardano prodotti di largo consumo).

Al NOI, il parco tecnologico che sorge a Bolzano sud, il prof. Gobbetti dirige, assieme alla prof.ssa Raffaella Di Cagno (14° a livello mondiale su Google Scholar) il laboratorio “Food Microbiology Lab” dell’università e un team di dieci ricercatori.

La sua ricerca si concentra sui processi di trasformazione degli alimenti che prevedono l’impiego dei microrganismi, principalmente batteri lattici, sulle strategie biotecnologiche per la produzione di alimenti senza glutine e funzionali e sullo studio dell’asse alimenti – microbioma intestinale dell’uomo. In particolare, fermentazioni per la produzione di bevande e alimenti tipici e tradizionali, quali prodotti lievitati da forno, formaggi e bevande lattiche, e derivati da altri vegetali e frutti con la finalità di migliorare le caratteristiche sensoriali e nutrizionali, estendere la conservazione con metodi naturali e creare valore aggiunto mediante l’impiego di sottoprodotti o surplus.

Dall’anno accademico 2018/19, in unibz Gobbetti ha avviato e dirige un dottorato di ricerca internazionale in Food Biotechnology and engineering e una laurea magistrale internazionale in Food Sciences for Innovation and Authenticity (offerta in collaborazione con le Università di Parma, Udine, Technische Universität di Monaco di Baviera e Cork) e sostenuta dai maggiori players del settore agroalimentare italiano.

Related Articles

Article
Sensori e anticorpi per prevenire le intossicazioni alimentari

I test sierologici, più che mai necessari in queste settimane di pandemia, possono anche aprire inediti percorsi di innovazione nel controllo della sicurezza alimentare. Lo dimostra un progetto di ricerca del Sensing Technologies Lab pubblicato dalla rivista scientifica internazionale Biosensors. Il laboratorio Sensing Technologies Lab della Libera Università di Bolzano ha sviluppato immunosensori che, rivestendo di anticorpi gli elettrodi, consentono semplici controlli della contaminazione da istamina in alimenti contenenti proteine, come il pesce. Uno strumento efficace, preciso ed economico per prevenire l’intossicazione alimentare.

Article
Langzeitstudie zu Ernährung, Gesundheit und Klimawandel

Im Rahmen der weltweiten Diskussion über Gesundheit und Klimawandel wird häufig auf das Potential einer „nachhaltigen Ernährung“ verwiesen. Die Studie von Professor Christian Fischer und Forscher Pier Paolo Miglietta untersucht, wie sich die Nachhaltigkeit der Ernährung global und auf einzelnen Kontinenten verändert hat und welche Zusammenhänge zur menschlichen Gesundheit und zum Klimawandel bestehen. Wie die Ergebnisse zeigen, hat sich die Nachhaltigkeit der Ernährung im Zeitrahmen von 52 Jahren – 1961 bis 2013 – weltweit kaum verändert, allerdings ist eine Verschiebung in einigen Makroregionen zu einer nachhaltigeren Ernährung nachweisbar.

Article
Die Chemie stimmt

Trotz des wachsenden Frauenanteils unter den Studierenden machen nur wenige Frauen an der Universität Karriere. Eine davon ist die Bozner Professorin Tanja Mimmo. Jung, couragiert, erfolgreich.

Interview
Risky Business

In the Alps, natural hazards are part of everyday life. How we perceive risk and cope when at risk is at the core of the research undertaken by Eurac Research’s Institute for Earth Observation. Lydia Pedoth shares her thoughts on strengthening the voices of women and increasing the visibility of their roles in disaster risk reduction.