I lavoratori agricoli che vengono sfruttati non sono solo i raccoglitori di pomodori in Puglia o Sicilia, ma anche i raccoglitori di mele e uva in Alto Adige. Il progetto FARm mira a far emergere questa scomoda realtà ed a sviluppare strumenti di prevenzione.

Susanne Elsen, come è nata l’idea di condurre una ricerca sullo sfruttamento lavorativo in agricoltura?
Si tratta di un tema caldo in tutta Italia, ma spesso commettiamo l’errore di credere che riguardi solo le regioni del sud. In realtà lo sfruttamento lavorativo interessa tutte le regioni con sistemi produttivi di agricoltura avanzata. L’Alto Adige non fa eccezione, e chiaramente neppure il Veneto e la Lombardia. Insieme alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Verona, che funge da capofila, l’Università di Trento e La Statale di Milano abbiamo quindi dato vita a FARm, o Modello di Filiera dell’Agricoltura Responsabile, per raccogliere dati che ci aiutino a descrivere con più precisione il fenomeno e sviluppare sistemi di prevenzione. Il progetto è finanziato dall’Unione Europea e dal Ministero del Lavoro. L’Università di Bolzano porta la propria expertise nel campo delle scienze sociali.

Come descriverebbe lo sfruttamento lavorativo?
Solitamente riguarda fasce molto deboli, per lo più stranieri, uomini e donne. Chiaramente chi si trova in Italia illegalmente è più vulnerabile, ma parliamo di sfruttamento anche nel caso di molti stagionali, che passano regolarmente il confine ma lavorano per un compenso irrisorio, sono iscritti a libro paga solo per parte del lavoro che svolgono e vengono alloggiati in strutture assolutamente inadeguate. E poi ci sono coloro che lavorano completamente in nero.

Qual è la situazione in Alto Adige?
Alla fine del 2019 la Guardia di Finanza ha controllato 67 aziende in provincia di Bolzano. 24 di queste sono risultate non in regola, in particolare sono stati scoperti 80 lavoratori completamente in nero. Sul giornale Alto Adige, che ha riportato la notizia il 27 novembre scorso, si parlava espressamente di caporalato. Alla luce di questi dati il nostro progetto di ricerca assume un’importanza ancora maggiore.

In questo meccanismo siamo coinvolti tutti, le aziende agricole che cercano di risparmiare sulla manodopera tanto quanto i grossisti e la rete della grande distribuzione che praticano il dumping e comprano al minor prezzo possibile, per finire con noi consumatori.

Susanne Elsen

Come pensate di procedere?
Innanzitutto, creando rete tra tutti i soggetti che già si occupano del tema ed interessando le istituzioni. Abbiamo per esempio coinvolto il Progetto Alba dell’associazione La Strada / Der Weg che mira ad assistere e fornire protezione sociale e inserimento lavorativo alle persone vittime di tratta. Ed abbiamo avuto un primo colloquio con l’assessore provinciale all’agricoltura Arnold Schuler: ci ha ringraziato per questa iniziativa e tramite lui speriamo di poter coinvolgere il Bauernbund. Grazie al contatto con gli stakeholder miriamo a realizzare una profonda analisi della situazione.

Crede che le aziende agricole vorranno collaborare?
Quello che mi preme mettere in evidenza è che non siamo alla ricerca di colpevoli. In questo meccanismo siamo coinvolti tutti, le aziende agricole che cercano di risparmiare sulla manodopera tanto quanto i grossisti e la rete della grande distribuzione che praticano il dumping e comprano al minor prezzo possibile, per finire con noi consumatori: se vediamo un chilo di arance venduto a 99 centesimi non possiamo pensare che sia stato prodotto rispettando i lavoratori.

È un discorso che la rete del commercio equo e solidale porta avanti da molto tempo…
Sì, e crediamo che proprio in Alto Adige, dove è nato Altromercato, valga la pena di riprenderlo per guardare all’economia di casa nostra. Uno dei risultati del progetto di ricerca, che punta a sviluppare strumenti anche molto pratici che aiutino ad arginare lo sfruttamento, potrebbe essere la creazione di un’etichetta che, affiancata al marchio Südtirol, certifichi il rispetto e la giusta retribuzione dei lavoratori. Proprio come l’etichetta “fair trade”.

FARm vuole quindi essere anche un’azione di sensibilizzazione.
Certo, in questo senso diciamo che è una ricerca-intervento. Desideriamo sensibilizzare i consumatori e contemporaneamente creare una rete che coinvolga istituzioni, enti di intermediazione del lavoro, il privato-sociale, le imprese agricole, i sindacati. Una rete solida, che possa reggere anche quando, tra due anni, il progetto FARm sarà concluso.

Related Articles

Article
A new compulsion to locality

In 2002 the sociologist John Urry defined contemporary man as subject with two fundamental drives: the compulsion to mobility and the compulsion to proximity. Although communication technology allows many of us to avoid the majority of physical movements, society – as well as our personal goals and desires – compels us to move through space in order to reach other bodies, with them we experience situations of proximity in other places. It is not only a matter of choice: there are widespread obligations and expectations in this sense. Urry calls this phenomenon, the globalisation of intermittent presence.

Article
Inklusive Bildung in der Zeit des Fernunterrichts

Unser italienisches Bildungssystem ist in der ganzen Welt dafür bekannt, inklusiv zu sein: ein System, das auf all seinen Ebenen, von der Kinderkrippe bis zur Universität, kein Kind oder Jugendlichen ausschließt. Dies ist schon unter normalen Umständen eine komplexe Aufgabe, in den außergewöhnlichen Zeiten des Fernunterrichts aufgrund der Coronavirus Pandemie nehmen diese Herausforderungen jedoch neue Formen an.

Article
Soziale Distanz - Digitale Nähe

Wir nehmen zurzeit wohl ungewollt am größten sozialpsychologischen Experiment der jüngeren Menschheit teil, an das wir uns noch viele Jahrzehnte lang erinnern werden. Die durch die Coronakrise verordnete soziale Distanz lähmt unsere Gesellschaft. In den sozialen Medien stehen Aufrufe wie „bleibt zu Hause“ und „haltet Abstand“ auf der Tagesordnung. #zerocontatti #iorestoacasa oder #stayathome sind die meistbenutzten Hashtags. Ohnmächtig warten wir ab, was als nächstes geschieht. Wir durften dramatisch erfahren, dass unsere Gesellschaft an Grenzen stößt und sogar Politiker, die die Coronakrise wie die Klimakrise leugnen wollten, haben festgestellt, dass es drastische Maßnahmen zur Eindämmung des Virus braucht.

Interview
Inclusione scolastica. Cosa cambia con il Covid-19?

AI tempi del Coronavirus anche la scuola cambia, si stravolge, continua nonostante tutto. A rendere possibile il proseguimento delle lezioni ci pensa l’informatica e anche chi era più restìo all’utilizzo di risorse online o a collegarsi in videoconferenza, si trova alle prese con piattaforme di ogni genere che rendono permeabili al sapere i muri (di casa) che ci separano. Ma se da una parte è un’opportunità per rivedere la didattica e misurare quanto è al passo con i tempi, lo spostamento delle lezioni online fa emergere con forza le differenze e il tema dell’inclusione si arricchisce di nuove sfumature.