Una ricerca della Facoltà di Economia (prof. Mirco Tonin) ha esaminato i dati relativi agli incidenti stradali mortali negli USA in un periodo di 25 anni. Il risultato? Un andamento borsistico negativo implica un aumento degli incidenti letali nelle ore successive all’apertura dei mercati.

Le giornate di caduta degli indici di Wall Street sono spesso giorni funesti non solo per le tasche degli investitori – almeno dei piccoli – ma anche per la loro salute. È la conclusione a cui è giunto il prof. Mirco Tonin, ordinario di Politica economica alla Libera Università di Bolzano, che da diversi anni concentra le sue ricerche nel campo dell’economia comportamentale. Assieme ai colleghi Corrado Giulietti e Michael Vlassopoulos, dell’Università di Southampton, Tonin ha pubblicato uno studio intitolato “When the market drives you crazy: Stock market returns and fatal car accidents” sul Journal of Health Economics.

È noto che le performance della Borsa influenzano alcune delle fondamentali decisioni economiche degli investitori come le scelte di consumo, risparmio e l’offerta di lavoro. Ma esistono altri comportamenti che ne sono condizionati? Una famiglia statunitense su due investe in Borsa, direttamente o indirettamente (es. attraverso fondi pensione). Pertanto la società americana si dimostra un campo di indagine ideale per scoprirlo.

Ed è esattamente quello che hanno fatto i tre economisti, che hanno preso in esame il dataset degli incidenti mortali negli Stati Uniti – il FARS o Fatality Analysis Reporting System – relativo al periodo tra il 1990 e il 2015 e indici finanziari come lo S&P500. Essi hanno notato una correlazione evidente tra le fluttuazioni degli indici di borsa e il numero delle vittime della strada, per cui due giorni di chiusura negativa di Wall Street sono associati ad un incidente mortale in più sulle strade americane, rispetto ad una media di 37 al giorno.

La metodologia della ricerca
Per sgombrare il campo da ipotesi di correlazioni spurie – ovvero l’inferenza errata di un rapporto di causa-effetto tra due fenomeni – Tonin e colleghi hanno effettuato vari testi di falsificazione. In prima istanza, hanno sfruttato l’orario in cui avvengono gli incidenti e osservato come la relazione con l’andamento dell’indice azionario si trovi solo per gli incidenti che avvengono dopo l’apertura dei mercati e non precedentemente. Il secondo elemento indagato sono le diverse tipologie di guidatori, individuati per età, zona di residenza (che indica di solito una maggiore o minore prosperità) e per i modelli di auto coinvolte negli incidenti stradali mortali.

“Ovviamente, non abbiamo accesso ai dati sul patrimonio o sul portfolio finanziario delle vittime ma conosciamo la loro età e il codice di avviamento postale, nonché il modello di auto che guidano. Attraverso questi dati riusciamo ad avere un quadro abbastanza completo di chi sono le persone coinvolte. Osserviamo che rimangono fuori da questa correlazione le persone che difficilmente hanno risorse da investire in borsa, ad esempio i giovani o quelli che vivono in zone relativamente povere o guidano automobili poco costose”, spiega Tonin.

Mirco Tonin, uno dei tre autori dello studio.

Le vittime? Gli investitori inesperti
L’effetto studiato dal professore dell’Università di Bolzano è più evidente verso la fine degli anni ’90. Non si tratta di un dato casuale. È infatti quello il periodo in cui tantissime famiglie statunitensi entrano per la prima volta coi loro risparmi nel mercato azionario, trainato dall’esplosione dei titoli legati alle aziende del digitale. “Questo ci suggerisce che gli investitori con meno esperienza e know-how finanziario si fanno molto influenzare nel loro stato d’animo dalle fluttuazioni giornaliere”, afferma il professore della Libera Università di Bolzano, “al contrario un investitore esperto sa che la variabilità fa in qualche modo parte del gioco”. Una correlazione simile è stata osservata anche da un altro studio che aveva messo sotto la lente d’ingrandimento la Grecia del 2010 e 2011, sull’orlo del fallimento e sottoposta alle misure di austerità della Trojka. In quel caso si era visto che l’ansietà legata allo stato fallimentare dell’economia poteva portare a un comportamento meno attento durante la guida.

Immagine: Michael Jin, unsplash.com

Related Articles

Article
Crowdfunding: il narcisismo è nemico del successo

“Il progetto più bello del reame”. In che modo il narcisismo può ostacolare il successo di una campagna di crowdfunding? Lo ha scoperto una ricerca di Paola Rovelli e Vincenzo Butticé, ricercatori del Centro per il Family Business Management e della MIP School of Business del Politecnico di Milano che hanno esaminato circa 60.000 campagne di crowdfunding su Kickstarter. I risultati? Mantenere un profilo basso, improntato all’oggettività, può costituire un vantaggio rispetto a chi si propone in maniera eccessivamente improntata all’autoaffermazione.

Article
Le imprese familiari? Crescono più delle altre

Un nuovo studio del Centro per il Family Business della Libera Università di Bolzano dimostra che le imprese familiari vantano tassi di crescita mediamente più elevati rispetto alle concorrenti non familiari. Pubblicata sulla rivista Entrepreneurship Theory and Practice, la ricerca si basa sui dati relativi a un periodo di dieci anni e realtà imprenditoriali di 43 Paesi ed è il primo studio longitudinale ad affrontare la questione della crescita delle imprese familiari con dati da tutto il mondo.

Article
Covid-19: L’efficacia delle regole dipende dalle aspettative sulla loro durata

Un contributo alla gestione ottimale delle misure di contenimento della pandemia in atto arriva dell’economia sperimentale. Uno studio, condotto da quattro economisti italiani e pubblicato sui Working Papers del National Bureau of Economic Research (NBER WP), evidenzia come il rispetto delle restrizioni decise dal governo italiano per contenere la diffusione del coronavirus sia strettamente legato alla percezione di quanto tali misure si estenderanno nel tempo.

Article
Snellire il traffico si può. Con un modello matematico

Un modello matematico creato da Valentina Morandi, ricercatrice della Facoltà di Scienze e Tecnologie della Libera Università di Bolzano, permetterebbe, con un sistema di navigazione centralizzato, di decongestionare le strade dal 5 al 10%. Parallelamente, Morandi sta studiando un modello per integrare il sistema di trasporto pubblico e privato aumentandone efficacia ed economicità: una soluzione ideale per le zone di montagna più remote e meno servite.