Stenobothrus nigromaculatus 

© Philipp Kirschner

Le zone steppiche sono ecosistemi ricchi di flora e fauna che si sono adattati a condizioni climatiche particolari, caratterizzate da siccità e grandi oscillazioni di temperatura. Queste aree sono al centro di un ampio studio internazionale guidato dall’Università di Innsbruck. I ricercatori – tra loro gli esperti di ambiente alpino di Eurac Research - hanno preso in esame le specie animali e vegetali che abitano le zone steppiche di diversi continenti, dalla Spagna al Kazakistan, arrivando a conclusioni sorprendenti. Tra le aree oggetto dello studio anche le isole steppiche delle Alpi interne come la Val Venosta.

I ricercatori si sono concentrati su tre specie di piante, due di cavallette e una di formiche. Si tratta di organismi tipici sia della steppa dell’Asia centrale - la grande fascia che si estende dalla Mongolia alla costa rumena del Mar Nero - sia dei piccoli habitat isolati situati nelle Alpi interne. Hanno raccolto 465 popolazioni, estratto il loro DNA e sequenziato gran parte del loro genoma. In questo modo sono riusciti a mostrare le relazioni di parentela tra le specie e a chiarire la loro storia evolutiva. “Abbiamo osservato che le popolazioni animali e vegetali delle Alpi interne e dell’Europa sud-occidentale si differenziano in modo marcato da quelle dell’area eurasiatica. Questo risultato fa pensare che per alcune delle specie analizzate questa separazione sia avvenuta circa due milioni di anni fa” spiega Andreas Hilpold di Eurac Research. La differenziazione è legata al fatto che le specie europee sono rimaste separate da quelle delle steppe asiatiche dall’inizio della glaciazione. “Per alcune delle specie analizzate in futuro sarà necessario considerare le popolazioni dell’Europa interna alpina e occidentale come specie a sé stanti” aggiunge Hilpold.
Tra le aree oggetto dello studio anche il Monte Sole in Val Venosta. Con i suoi ripidi pendii esposti al sole e il basso livello di precipitazioni è un’area steppica isolata delle Alpi interne. Nonostante le sue dimensioni relativamente piccole, l'area della Val Venosta ha specie animali e vegetali simili a quelle della grande fascia steppica asiatica ed è fondamentale conservarle per tutelare anche la biodiversità eurasiatica. “La cavalletta della specie Stenobothrus nigromaculatus che abbiamo trovato in Val Venosta è comune anche nella steppa dell'Asia centrale. Il nostro studio ha dimostrato però che sarebbe grave se le popolazioni venostane dovessero scomparire perché dal punto di vista genetico sono molto diverse dalle popolazioni asiatiche", avverte Hilpold. All'interno della stessa specie animale o vegetale, una marcata diversità genetica è infatti essenziale per resistere alle malattie e ad altre influenze negative e quindi per sopravvivere. Come sottolinea il ricercatore, con questa premessa è ancora più chiaro quanto la conservazione delle aree steppiche venostane sia importante a livello globale.

Related Articles

Article
Wie ist es um die Fischfauna im inneralpinen Raum bestellt?

Die Wasserqualität der heimischen Gewässer hat sich in den vergangenen Jahrzehnten deutlich verbessert. Chemische Substanzen wie Nitrat, Aluminium, Kupfer, Ammoniak liegen weit unter den gesetzlichen Grenzwerten. Das zeigt eine neue flächendeckende Studie im Großraum Tirol. Es sind jedoch andere Faktoren, die einen Einfluss auf die Anzahl und Vielfalt unserer Fische haben. So etwa Verbauungen, Kläranlagen, das Umland der Gewässer und wie es genutzt wird oder die Anwesenheit fischfressender Vögel. Erstmals wurden diese und andere Einflussfaktoren in einer groß angelegten Studie zum alpinen Fischbestand in ganz Süd-, Nord- und Osttirol berücksichtigt und miteinander kombiniert.

Stadtklima entspricht nicht künftigem Landklima

Die Vegetation in Städten reagiert auf erhöhte urbane Temperaturen weniger sensitiv. Das Stadtklima von heute ist daher kein Analog für das Landklima von morgen. Diesen Schluss ziehen Ökologen der Universität Innsbruck und der Freien Universität Bozen auf Basis einer aufwendigen Auswertung von pflanzenphänologischen Zeitreihen aus 26 europäischen Ländern.

Article
Le Alpi: una risorsa preziosa anche oltre i confini nazionali

Uno studio di Eurac Research mostra come le aree montane offrano alle persone importanti servizi ecosistemici.

Article
Lo snorkeling e la scienza della rinaturalizzazione dei fiumi

In un ecosistema, la bellezza non è sempre sinonimo di qualità. Quando vengono effettuate riqualificazioni degli ambienti fluviali, è importante capire come gli interventi programmati possono realmente influire sulla vitalità delle rive e delle acque. Le tre università dell’Euregio hanno messo a punto una metodologia per prevedere l’efficacia di queste delicate operazioni ambientali.