Donne e computer. Un binomio a prima vista tutt’altro che scontato. Ma basta sfogliare qualche testo di storia dello sviluppo tecnologico per capire che quest’immagine di un mondo di bit plasmato da soli uomini è frutto di una narrazione parziale. Le ragazze che partecipano al progetto MAKE-A-DIFFERENCE della ricercatrice Rosella Gennari ne sono la dimostrazione.

Il progresso nel mondo dell’informatica è infatti dovuto anche al lavoro di alcune bravissime ricercatrici che hanno lasciato il segno”, afferma Rosella Gennari, ricercatrice della Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche. La studiosa, esperta di interazione persona-macchina, lavora in unibz dal 2005.  Non è una di quelle scienziate cresciute a pane e pc, come tanti suoi colleghi uomini. Il suo background è piuttosto la matematica, disciplina in cui si è laureata all’Università di Pavia. Il salto dai numeri ai codici è  avvenuto solo ad Amsterdam durante il dottorato di ricerca in logica computazionale, che studia come i computer funzionino e possano risolvere certi problemi efficientemente. La sua strada di scienziata è stata segnata dal lavoro sulla progettazione e programmazione di prodotti interattivi per computer, quali i video-game, utilizzati come strumenti per aiutare le persone a superare difficoltà di vario genere.

Dal 2016, la sua attenzione si è spostata verso l’Internet of Things e gli oggetti intelligenti. Conosciuti perlopiù nelle loro più comuni e pubblicizzate applicazioni commerciali – dai wearables ai frigoriferi collegati alla rete – possono anche essere oggetti qualunque, resi “intelligenti” con micro-computer e sensoristica adeguata, impiegati per fini sociali: per aiutare bambini che hanno problemi nella lettura, ragazzi con problemi di comportamento o anziani con determinate patologie. C’è quindi una “via umana e sociale” all’informatica che è molto promettente per il coinvolgimento di giovani ragazze e per chiunque abbia una sensibilità verso il tema. La sta sperimentando Rosella Gennari assieme a un team di ricercatori e dottorandi, donne e uomini, di provenienza e formazione differenti, dall’ingegneria elettronica alla pedagogia. L’equipe di Gennari partecipa al progetto internazionale MAKE-A-DIFFERENCE assieme ad un consorzio di università di vari Paesi europei e degli USA. L’obiettivo è coinvolgere i ragazzi e le ragazze nella progettazione di nuovi oggetti intelligenti che includano la loro prospettiva, ovvero che siano creati da loro stessi, per i loro bisogni e ne rispettino la soggettività, favorendone un approccio critico, responsabile e attivo all’uso ed alla creazione di tecnologie “intelligenti”.

Nato con alcune lezioni nelle scuole dell’Alto Adige, il progetto a Bolzano e proseguito con un Digital Summer Camp e incontri nel FabLab di unibz durante l’anno scolastico. Qui i ragazzi e le ragazze hanno co-progettato oggetti intelligenti tramite un gioco da tavolo per rendere il parco Talvera più attraente per i ragazzi della fascia di età tra gli 11 e i 14.  Un esempio? Una serie di “panchine intelligenti”, che invitano chi siede solo a entrare in relazione con gli altri seduti non distanti. SNAP – questo il nome del gioco da tavolo – dietro alle apparenze analogiche delle caselle di cartone che ricordano una sorta di gioco dell’oca, veicola logiche di pensiero computazionale utili per progettare, programmare e costruire oggetti intelligenti, assieme alla partecipazione e la collaborazione dei ragazzi e delle ragazze per uno scopo condiviso dal gruppo.

Un compito in cui si rivelano molto bravi tutti, ragazzi e ragazze. Nei due gruppi che hanno partecipato al Digital Summer Camp, la quota rosa è stata sorprendentemente alta: in uno le ragazze erano la metà, nell’altro, un terzo dei partecipanti. Le partecipanti erano molto determinate, “forse l’aspetto relazionale dei compiti progettuali è stato l’ingrediente vincente per agganciarle”, aggiunge Gennari, “è bene che sempre più ragazze si avvicinino all’informatica e alla ricerca. Quest’ultima può crescere meglio e svilupparsi avvalendosi di modi di vedere e sensibilità, culturali e di genere diverse”.

Related Articles

Article
Che aria tira a scuola? Ripensare e trasformare i luoghi della formazione post Covid-19

Il progetto di ricerca “Il cambiamento è nell’aria” - promosso dalla Libera Università di Bolzano e Agorà, con la collaborazione di ricercatori e dottorandi dell’Università IUAV di Venezia e degli atenei di Trento e Padova - ha fotografato la qualità dell’aria a scuola nei mesi precedenti la chiusura per la pandemia di coronavirus. Una concentrazione di CO2 eccessiva dimostra una ventilazione inadeguata per larga parte del tempo di occupazione. Una cattiva notizia in vista del rientro a scuola ai tempi del Covid-19.

Article
BIGWOOD: la filiera sostenibile dell’edilizia in legno vuole diventare grande

Costruzioni in legno, sostenibili anche per grandi volumetrie ed elevazioni. BIGWOOD, progetto europeo Interreg transfrontaliero tra Alto Adige, Tirolo austriaco e Veneto, porterà alla creazione di una rete di università, aziende, progettisti ed esperti nel settore per diffondere le costruzioni in legno multipiano e garantire elevati standard di qualità. Il progetto prevede la realizzazione di modelli dimostrativi di edifici multipiano interamente realizzati in legno, tra cui uno in scala reale nel Parco tecnologico NOI di Bolzano, aperto e visitabile dal pubblico.

Article
Time to reboot: technology won’t save us

We live in a technological world. Technology is everywhere around us, it helps us with our daily chores, enables us to communicate with friends all over the world, has allowed many of us to work in the Covid-19 lockdown, brings food to our tables while keeping it fresh, produces clean energy for our homes and transportation, and, finally, lets us have fun.

Article
Autismo e autonomia di vita in casa: il progetto SENSHome

Una casa non può dirsi intelligente se non è in grado di rispondere anche alle esigenze delle persone più fragili. SENSHome è il nome del nuovo progetto transfrontaliero tra Italia e Austria, il cui obiettivo è rendere possibile una vita domestica in autonomia a persone con disabilità, con particolare attenzione a quelle con disturbo dello spettro autistico. Come? Sviluppando e applicando reti di sensori intelligenti in grado di rendere le case “sensibili” alle necessità delle persone con bisogni speciali e di segnalare possibili eventi a rischio per il benessere dell’individuo stesso.