Nei laboratori del NOI Techpark, test di invecchiamento accelerato e stress ambientale per il prodotto dell’azienda altoatesina alpitronic.

La colonnina di ricarica di nuova generazione hypercharger, realizzata dall’azienda bolzanina alpitronic, è in fase di test nei laboratori di Eurac Research al NOI Techpark dove vengono simulati invecchiamento accelerato e stress ambientali. Per un totale di 400 ore, l’hypercharger viene sottoposto a quattro test diversi che ne mettono alla prova la funzionalità e la tenuta dei materiali in diverse condizioni: da +55 a -30 gradi centigradi, con variazioni di umidità fino al 95 per cento e con irraggiamento di diverse ore, per numerosi giorni consecutivi.

L’hypercharger è una colonnina di ricarica che, con dimensioni ridotte rispetto ai modelli attualmente presenti sul mercato, offre potenza e velocità di ricarica di molto superiori: se per ricaricare le auto elettriche di nuova generazione che entreranno in commercio in autunno le colonnine tradizionali impiegano un’ora e mezza, hypercharger riduce i tempi a trenta minuti. I ricercatori di Eurac Research stanno testando questa nuova colonnina ideata e prodotta dall’azienda hi-tech alpitronic nei loro laboratori al NOI Techpark di Bolzano. In particolare i test si svolgono nell’Accelerated Life Testing Lab che simula cicli di vita accelerati per valutare la degradazione delle prestazioni di prodotti industriali come componenti elettronici, pannelli fotovoltaici e materiali plastici. “Per noi questi test sono molto importanti perché ci permettono di simulare condizioni estreme e di verificare la conformità con le norme del settore”, spiega Philipp Senoner, amministratore delegato di alpitronic.

“Testiamo la funzionalità del prototipo e verifichiamo se ci sono variazioni nella capacità di ricarica e alterazioni estetiche nel display e nell’involucro, dopo aver sottoposto la colonnina a numerosi e importanti stress ambientali,” spiega Giorgio Belluardo, ricercatore dell’Istituto per le energie rinnovabili di Eurac Research che sta eseguendo i test. All’interno della camera climatica i ricercatori simulano temperature che vanno dai meno 30°C ai più 55°C in uno stesso test di più giorni. Altre prove sono arrivate a temperature di 40°C o a umidità variabili fino al 95 per cento. Infine vengono messe sotto prova anche la resistenza a un forte irraggiamento per più tempo, con una potenza che arriva fino a 1120 W/m2: un valore vicino ai livelli di irraggiamento massimi registrati in estate a Bolzano. Il prototipo viene testato in diverse modalità: da spento, in funzione stand-by e in funzione di ricarica di un’auto elettrica a diverse potenze.

“Dopo il trasferimento all’interno del NOI Techpark, i nostri laboratori sono entrati in funzione a pieno ritmo. Nel frattempo il nostro istituto di ricerca ha superato i cento collaboratori. Avere a disposizione laboratori all’avanguardia e personale qualificato ci permette di collaborare in misura sempre maggiore con le imprese per sviluppare nuovi prodotti e svolgere controlli di qualità”, dichiara Wolfram Sparber, direttore dell’Istituto per le energie rinnovabili di Eurac Research.

Related Articles

Interview
Zyankaliproduktion herunterfahren!

Pflanzen und Tiere haben es sich über Jahrmillionen auf der Erde eingerichtet bis der Mensch kam. Er ist Hauptverursacher des neues Massensterbens. Ulrike Tappeiner, Leiterin des Instituts für Alpine Umwelt (Eurac Research) und Präsidentin der Freien Universität Bozen, über Nahrungsnetze, den gemeinen Weißklee und das großangelegte Biodiversitätsmonitoring Südtirol.

Article
“Tutto il bello della scienza”. Il nuovo numero della rivista Academia

Quanta bellezza ci regala la ricerca? In che modo i ricercatori si occupano di aspetti della bellezza nella loro attività scientifica? Per il numero 79 di Academia, la rivista di divulgazione scientifica di unibz e Eurac Research, la redazione lo ha chiesto ai protagonisti del mondo accademico e della ricerca altoatesino: ingegneri, teorici dell’arte, agronomi, biologi, esperti di sviluppo regionale, informatici, economisti. Loro stessi hanno fatto una scoperta: c’è del bello da scoprire, anche dove, all’inizio, non sarebbe sembrato.

Article
Academia auf den Spuren von Schönheit in der Wissenschaft

Wie viel Erhabenes, wie viel Schönheit finden wir in der Forschung, wie sehr und in welcher Form setzen sich Forscher mit Aspekten von Schönheit auseinander? Das aktuelle Wissenschaftsmagazin von unibz und Eurac Research geht auf Spurensuche.

Interview
Schön cool!

Warum nur tun wir uns heute mit dem Begriff "Schönheit" so schwer? Academia spricht mit dem Kunsttheoretiker Stephan Schmidt-Wulffen (unibz) und der Ingenieurin Alexandra Troi (Eurac Research).