Nei laboratori del NOI Techpark, test di invecchiamento accelerato e stress ambientale per il prodotto dell’azienda altoatesina alpitronic.

La colonnina di ricarica di nuova generazione hypercharger, realizzata dall’azienda bolzanina alpitronic, è in fase di test nei laboratori di Eurac Research al NOI Techpark dove vengono simulati invecchiamento accelerato e stress ambientali. Per un totale di 400 ore, l’hypercharger viene sottoposto a quattro test diversi che ne mettono alla prova la funzionalità e la tenuta dei materiali in diverse condizioni: da +55 a -30 gradi centigradi, con variazioni di umidità fino al 95 per cento e con irraggiamento di diverse ore, per numerosi giorni consecutivi.

L’hypercharger è una colonnina di ricarica che, con dimensioni ridotte rispetto ai modelli attualmente presenti sul mercato, offre potenza e velocità di ricarica di molto superiori: se per ricaricare le auto elettriche di nuova generazione che entreranno in commercio in autunno le colonnine tradizionali impiegano un’ora e mezza, hypercharger riduce i tempi a trenta minuti. I ricercatori di Eurac Research stanno testando questa nuova colonnina ideata e prodotta dall’azienda hi-tech alpitronic nei loro laboratori al NOI Techpark di Bolzano. In particolare i test si svolgono nell’Accelerated Life Testing Lab che simula cicli di vita accelerati per valutare la degradazione delle prestazioni di prodotti industriali come componenti elettronici, pannelli fotovoltaici e materiali plastici. “Per noi questi test sono molto importanti perché ci permettono di simulare condizioni estreme e di verificare la conformità con le norme del settore”, spiega Philipp Senoner, amministratore delegato di alpitronic.

“Testiamo la funzionalità del prototipo e verifichiamo se ci sono variazioni nella capacità di ricarica e alterazioni estetiche nel display e nell’involucro, dopo aver sottoposto la colonnina a numerosi e importanti stress ambientali,” spiega Giorgio Belluardo, ricercatore dell’Istituto per le energie rinnovabili di Eurac Research che sta eseguendo i test. All’interno della camera climatica i ricercatori simulano temperature che vanno dai meno 30°C ai più 55°C in uno stesso test di più giorni. Altre prove sono arrivate a temperature di 40°C o a umidità variabili fino al 95 per cento. Infine vengono messe sotto prova anche la resistenza a un forte irraggiamento per più tempo, con una potenza che arriva fino a 1120 W/m2: un valore vicino ai livelli di irraggiamento massimi registrati in estate a Bolzano. Il prototipo viene testato in diverse modalità: da spento, in funzione stand-by e in funzione di ricarica di un’auto elettrica a diverse potenze.

“Dopo il trasferimento all’interno del NOI Techpark, i nostri laboratori sono entrati in funzione a pieno ritmo. Nel frattempo il nostro istituto di ricerca ha superato i cento collaboratori. Avere a disposizione laboratori all’avanguardia e personale qualificato ci permette di collaborare in misura sempre maggiore con le imprese per sviluppare nuovi prodotti e svolgere controlli di qualità”, dichiara Wolfram Sparber, direttore dell’Istituto per le energie rinnovabili di Eurac Research.

Related Articles

Interview
Resetting Mindsets

Shen Xiaomeng, newly appointed UNU Vice-Rector in Europe and Director of the UNU Institute for Environment and Human Security, on climate change, natural hazards versus man-made disasters, environmentally induced migration and the necessity of transforming the course of human purpose and belief.

Article
Wir sitzen nicht im selben Boot

Im Lockdown wurde der ungleiche Zugang zu Natur in der Stadt besonders
schmerzhaft bewusst. Ein ökologisches Sicherheitsnetz brauchen wir aber nicht nur
in Zeiten der Pandemie.

Interview
Genossenschaft Reloaded

Ein Gespräch mit dem amerikanischen Wissenschaftsaktivisten Trebor Scholz über Big Tech Monopole, die prekäre Situation der Crowdworker und darüber, wie wir uns mit Hilfe von Plattform-Kooperativismus die digitale Welt wieder zu Eigen machen.

Article
Mutano i virus e anche le lingue

L’emergenza sanitaria ce lo ha dimostrato con chiarezza: la lingua che parliamo è espressione della società in cui viviamo. Analizzando articoli di giornale, decreti ministeriali e blog specialistici, Natascia Ralli, linguista di Eurac Research, ci accompagna in un’analisi terminologica della pandemia.