Best Overall Paper Prize a una ricerca dei docenti Federico Boffa e Alessandro Fedele (Facoltà di Economia) alla conferenza leader per l’economia dei trasporti.

Ieri, giovedì 13 giugno, alla conferenza dell’Itea, evento di punta a livello mondiale per quanto riguarda l’economia dei trasporti, il lavoro di Federico Boffa, Alessandro Fedele e Alberto Iozzi (Università di Roma Tor Vergata) - Congestion and Incentives in the Age of Driverless Cars - ha ricevuto il massimo riconoscimento.

L’analisi di Boffa, Fedele e Iozzi si è concentrata sugli effetti della diffusione delle auto senza guidatore sulla struttura economica del mercato del traffico. “È ipotizzabile che i consumatori acquisteranno sempre meno veicoli di proprietà e così decideranno di rivolgersi in modo crescente a imprese che forniranno i servizi di trasporto, ad esempio società di taxi, Uber o Lyft”, spiega Boffa, “Gli effetti di questi cambiamenti sono potenzialmente molto significativi e dipendono da come verrà organizzato il nuovo mercato e dalla tipologia di tassazione che verrà applicata”.

Alessandro Fedele e Federico Boffa a Stanford, dove hanno presentato la loro ricerca alla conferenza del NBER.

In quest’ottica, la ricerca approfondisce quali saranno gli effetti sul benessere per gli utenti di questa transizione dall’utilizzo di veicoli di proprietà all’utilizzo di imprese che forniscono i servizi di trasporto. I due accademici di unibz in futuro analizzeranno anche le modalità più efficienti di organizzazione del mercato e la struttura ottimale delle tasse da praticare alle imprese che forniranno i servizi.

La settimana scorsa, il paper premiato a Parigi è stato presentato anche alla conferenza sulle auto a guida autonoma e sulle auto elettriche organizzata a Stanford dal National Bureau of Economic Research (NBER), il principale ente americano nell’ambito della ricerca economica.

Related Articles

Article
Crowdfunding: il narcisismo è nemico del successo

“Il progetto più bello del reame”. In che modo il narcisismo può ostacolare il successo di una campagna di crowdfunding? Lo ha scoperto una ricerca di Paola Rovelli e Vincenzo Butticé, ricercatori del Centro per il Family Business Management e della MIP School of Business del Politecnico di Milano che hanno esaminato circa 60.000 campagne di crowdfunding su Kickstarter. I risultati? Mantenere un profilo basso, improntato all’oggettività, può costituire un vantaggio rispetto a chi si propone in maniera eccessivamente improntata all’autoaffermazione.

Article
Le imprese familiari? Crescono più delle altre

Un nuovo studio del Centro per il Family Business della Libera Università di Bolzano dimostra che le imprese familiari vantano tassi di crescita mediamente più elevati rispetto alle concorrenti non familiari. Pubblicata sulla rivista Entrepreneurship Theory and Practice, la ricerca si basa sui dati relativi a un periodo di dieci anni e realtà imprenditoriali di 43 Paesi ed è il primo studio longitudinale ad affrontare la questione della crescita delle imprese familiari con dati da tutto il mondo.

Article
Covid-19: L’efficacia delle regole dipende dalle aspettative sulla loro durata

Un contributo alla gestione ottimale delle misure di contenimento della pandemia in atto arriva dell’economia sperimentale. Uno studio, condotto da quattro economisti italiani e pubblicato sui Working Papers del National Bureau of Economic Research (NBER WP), evidenzia come il rispetto delle restrizioni decise dal governo italiano per contenere la diffusione del coronavirus sia strettamente legato alla percezione di quanto tali misure si estenderanno nel tempo.

Article
La Borsa scende? Non metterti al volante!

Una ricerca della Facoltà di Economia (prof. Mirco Tonin) ha esaminato i dati relativi agli incidenti stradali mortali negli USA in un periodo di 25 anni. Il risultato? Un andamento borsistico negativo implica un aumento degli incidenti letali nelle ore successive all’apertura dei mercati.