Una casa non può dirsi intelligente se non è in grado di rispondere anche alle esigenze delle persone più fragili. SENSHome è il nome del nuovo progetto transfrontaliero tra Italia e Austria, il cui obiettivo è rendere possibile una vita domestica in autonomia a persone con disabilità, con particolare attenzione a quelle con disturbo dello spettro autistico. Come? Sviluppando e applicando reti di sensori intelligenti in grado di rendere le case “sensibili” alle necessità delle persone con bisogni speciali e di segnalare possibili eventi a rischio per il benessere dell’individuo stesso.

L’ambiente di casa, generalmente un contesto rassicurante, può rivelarsi insidioso, come rivelano le rilevazioni sugli incidenti domestici. Se il pericolo può nascondersi per tutti dietro la porta di una stanza, questo rischio è tanto maggiore per le persone con una disabilità fisica o cognitiva. Il Ministero per la Salute individua infatti nelle condizioni di salute dell’individuo – presenza di disabilità, patologie croniche ecc. – uno dei quattro fattori principali all’origine degli infortuni domestici. In questo quadro, è facile immaginare come sia fortemente limitata l’aspirazione delle persone adulte diversamente abili a una vita indipendente tra le pareti di casa.

Per ampliare l’autonomia e la sicurezza delle persone con autismo, incoraggiandole ad una vita quanto più indipendente possibile, il gruppo di ricerca in Fisica Tecnica della Facoltà di Scienze e Tecnologie – coordinato dal prof. Andrea Gasparella – ha avviato SENSHome: un progetto Interreg frutto della collaborazione di unibz con l’Università di Trieste, Fachhochscule Kärnten e la ditta Eurekasystem srl. (azienda del ramo meccatronica). Lo scopo del progetto è studiare e sviluppare un nuovo design di interni e tecnologie per la casa intelligente da applicare ad abitazioni in cui vivono persone con disabilità. SENSHome si propone di progettare una tecnologia modulabile centrata sull’utilizzatore finale, che si possa adattare ad abitazioni private, appartamenti condivisi o luoghi di vita assistita.

Andrea Gasparella, professore di Fisica tecnica e coordinatore del progetto SENSHome

“Con SENSHome puntiamo a individuare e implementare architetture centralizzate per la raccolta di dati e l’interazione con gli occupanti. Una rete intelligente di sensori come microfoni, foto e termosensori, istallata in un normale appartamento permetterà di segnalare eventi o condizioni ambientali rischiose”, spiega il prof. Andrea Gasparella, docente di Fisica Tecnica alla Libera Università di Bolzano e responsabile del laboratorio di Building Physics al parco tecnologico NOI di Bolzano. Si tratta di mettere a punto delle strategie che permettano di integrare il monitoraggio e la regolazione delle condizioni ambientali – parametri come temperatura, umidità, acustica – migliorando il benessere di occupanti con esigenze e sensibilità specifiche, prevenendo o segnalando situazioni critiche e interpretando le esigenze individuali. “SENSHOME si propone di colmare il divario tra la vita indipendente e le strutture assistenziali aumentando l’autonomia di persone che non necessitano di cure costanti ma che non potrebbero essere lasciate sole. Il progetto potrebbe essere inoltre adattato alla sicurezza personale anche di persone anziane prolungando le prospettive di vita attiva”, aggiunge Gasparella.

Attualmente, la vita indipendente di persone con disabilità è realizzata solo grazie alla convivenza di operatori sanitari. Il progetto SENSHome permetterà inoltre a chi si occupa dell’assistenza e della cura a persone parzialmente autonome di assistere da remoto e in tempo reale un elevato numero abitazioni, consentendo di intervenire all’occorrenza anche in via preventiva e tutelando la privacy degli utenti grazie all’assenza di video e audio monitoraggi. “L’innovazione della proposta consiste nel puntare a fornire una copertura h24 di tutti i principali aspetti di rischio della vita quotidiana. Così, solo uno o due operatori potranno assistere fino a 30 abitazioni alla volta, risparmiando denaro ed energia nei trasporti e nelle gestioni e aumentando il numero di utenti serviti”, sottolinea Gasparella.

Il progetto SENSHome si avvarrà della rete creata da Autism-Europe, l’associazione internazionale sostenuta dalla Direzione Generale Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità della Commissione Europea nell’ambito del Programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020, il cui obiettivo è quello di promuovere i diritti delle persone disabili e aiutarle a migliorare la loro qualità di vita.

Tra i partner di progetto sono stati coinvolti: Progettoautismo FVG onlus, l’AEB - Associazione genitori di persone in situazione di handicap, Associazione La Nostra Famiglia - IRCCS Eugenio Medea, Televita Spa, P.SYS system creation e Inklusion:Kärnten.

Related Articles

Article
Sensori e anticorpi per prevenire le intossicazioni alimentari

I test sierologici, più che mai necessari in queste settimane di pandemia, possono anche aprire inediti percorsi di innovazione nel controllo della sicurezza alimentare. Lo dimostra un progetto di ricerca del Sensing Technologies Lab pubblicato dalla rivista scientifica internazionale Biosensors. Il laboratorio Sensing Technologies Lab della Libera Università di Bolzano ha sviluppato immunosensori che, rivestendo di anticorpi gli elettrodi, consentono semplici controlli della contaminazione da istamina in alimenti contenenti proteine, come il pesce. Uno strumento efficace, preciso ed economico per prevenire l’intossicazione alimentare.

Article
Lebensmittelqualität mit Strom messen? Reifetest für neue Analysemethode

Den Reifegrad von Früchten oder die Qualität von Nahrungsmitteln mittels elektrischem Widerstand messen: Dieser Herausforderung stellt sich zwei Doktorand*innen des Sensing Technologies Lab an der Fakultät für Naturwissenschaften der unibz. Ein innovatives Forschungsfeld für die Nahrungsmittelproduktion, für das allerdings trotz eines fast fertigen Prototypens noch einiges an Grundlagenforschung zu leisten ist.

Article
Computer più intelligenti? Le ragazze fanno la differenza

Donne e computer. Un binomio a prima vista tutt’altro che scontato. Ma basta sfogliare qualche testo di storia dello sviluppo tecnologico per capire che quest’immagine di un mondo di bit plasmato da soli uomini è frutto di una narrazione parziale. Le ragazze che partecipano al progetto MAKE-A-DIFFERENCE della ricercatrice Rosella Gennari ne sono la dimostrazione.

Interview
Risky Business

In the Alps, natural hazards are part of everyday life. How we perceive risk and cope when at risk is at the core of the research undertaken by Eurac Research’s Institute for Earth Observation. Lydia Pedoth shares her thoughts on strengthening the voices of women and increasing the visibility of their roles in disaster risk reduction.