Il distanziamento sociale è diventato il nostro pane quotidiano e mai come in questo momento siamo stati così dipendenti dai nuovi media e dalle nuove tecnologie. La loro adozione e diffusione ha subito una accelerazione che in tempi normali avrebbe richiesto anni per diventare realtà ed è ragionevole supporre che in molti casi non torneremo sui nostri passi, ma alcuni cambiamenti diventeranno la normalità anche nel periodo post-crisi. Questa “digitalizzazione forzata” influeza praticamente tutti, pervadendo i più disparati aspetti della nostra vita, dal lavoro alla scuola, dal modo in cui ci teniamo informati e interagiamo con gli altri fino al modo in cui viviamo la nostra stessa spiritualità e religiosità.

In questo periodo tutti noi stiamo vivendo un periodo di grande incertezza, timorosi non solo per la nostra salute e quella dei nostri cari, ma anche per gli effetti sociali, politici ed economici che questa crisi potrebbe avere in serbo. In simili condizioni è normale sentire il bisogno di figure di riferimento e di rassicurazioni. Alcuni guardano con aspettativa alla politica per risolvere le pressanti questioni economiche, ma il ruolo del leone ultimamente viene giocato dal personale medico-sanitario e dai ricercatori, a cui spesso ci si riferisce come a degli “eroi”: sono in tanti infatti ad avere piena fiducia nel fatto che in qualche laboratorio si stia già sviluppando un vaccino che porrà fine a questo periodo di incertezza. Non mancano infine nemmeno coloro che stanno cercando rifugio nella religione. Ovviamente questi punti di riferimento non si escludono l’un l’altro.

Digital Religion? Fantascienza! … Oppure no?

Nelle prime settimane di lockdown molte pratiche e servizi religiosi tradizionali sono stati scoraggiati in quanto avrebbero potuto contribuire alla diffusione del virus. Raduni e pellegrinaggi sono stati additati in alcuni casi come focolai di trasmissione, come è accaduto tra i seguaci del culto cristiano della Chiesa di Gesù Shincheonji in Corea del Sud, a cui sono stati fatti risalire quasi 2.500 contagi. Le celebrazioni della Pasqua sia ortodossa che cattolica ed ebraica sono state tenute a porte chiuse e il Ramadan, epoca di raduni e festeggiamenti notturni nella cultura islamica, viene celebrato per lo più privatamente.
Tuttavia per molti la religione e la fede rimangono fondamentali per far fronte alla crisi che il mondo sta affrontando e questo ha spinto i ministri religiosi a non rimanere con le mani in mano mentre i luoghi di culto erano chiusi. Le limitazioni hanno anzi costituito un incentivo a cercare modi creativi per rimanere in contatto con la propria comunità religiosa, soprattutto in un momento in cui questa si trovava ad affrontare un momento così delicato.Quando si parla di religione e digitalizzazione spesso si pensa per lo più a messe trasmesse in diretta, ma oltre allo streaming di servizi tradizionali, il digitale offre una serie molto più ampia di possibilità, che spaziano da app che dispensano letture bibliche e preghiere serali, fino a Mindar, il robot capace di celebrare funzioni e funerali in Giappone, passando per videogiochi a sfondo religioso, dove ai giocatori si pongono questioni morali.

Internet come Gutenberg?

Heidi Campbell, principale studiosa del filone di studi sulla “Digital Religion”, sottolinea che l’incontro tra digitale e pratica religiosa non è senza conseguenze e l’uno finisce per condizionare ed essere condizionato dall’altra, aprendo quindi un vero e proprio vaso di Pandora. Come cambia una comunità religiosa online rispetto a una fisica? I riti digitali sono autentici come quelli fisici? E, soprattutto, chi controlla e garantisce per i contenuti religiosi nell’anarchia del web? Non è un caso che il robot BlessU-2, che impartisce benedizioni, sia stato lanciato in Germania per marcare il cinquecentenario dalla Riforma luterana. Per la chiesa protestante l’introduzione di nuove tecnologie rappresenta una “disruption” dei sistemi tradizionali: l’avvento della stampa è sfociato nel XVI secolo nella riforma protestante, le cui eco scossero le fondamenta del cattolicesimo stesso che, dopo il Concilio di Trento, dovette rinnovarsi, dando vita alla cosiddetta controriforma. L’introduzione delle tecnologie digitali potrebbe dunque comportare una rivoluzione di portata simile a quella operata da Gutenberg.

Cattolicesimo digitale

Le misure volte al contenimento della diffusione del nuovo coronavirus hanno dato anche nel contesto cattolico una spinta ulteriore verso la digitalizzazione. Singole diocesi hanno dato vita, tra le altre cose, a e-pellegrinaggi, streaming online di messe e sussidi di preghiera online per adulti e bambini. Ma queste iniziative sopravviveranno nel periodo post-Covid-19? Papa Francesco, dopo aver tenuto il primo livestream della storia del Vaticano, sembrerebbe non pensarla così, avendo dichiarato che “la Chiesa, i sacramenti, il popolo non si possono viralizzare”. Il messaggio è chiaro: l’aumentata digitalizzazione è solo uno strumento temporaneo da adottare durante la fase di distanziamento sociale, ma la vera Chiesa rimane quella fisica. Tuttavia questo non deve far pensare che il cattolicesimo rifiuti il mondo digitale: già in periodo pre-Covid-19 erano migliaia, solo in Italia, i siti cattolici gestiti da parrocchie, associazioni, movimenti o anche da privati. Anche le app non scarseggiano, da Dindondan, che permette di localizzare la messa più vicina, a Follow JC Go, dove i giocatori formano un team di evangelizzazione composto da amici, personaggi biblici, santi, beati e invocazioni mariane.
Una delle app più scaricate rimane Laudate, che vanta su Google Play Store più di un milione di download e coinvolge gli utenti in diversi modi. Oltre a mettere a disposizione – tra le altre cose –liturgie, preghiere (anche in latino), letture del giorno, la app permette ai fedeli di scrivere loro stessi le loro preghiere e salvarle tra i preferiti. Non manca neanche la sezione “confessione”: dove compare una check-list di peccati da confessare. Questo strumento, sottolinea la app, non vuole ovviamente essere una sostituzione della confessione, ma una specie di bilancio propedeutico alla confessione stessa, la cui esecuzione non può essere sostituita da un clic.
Per quello che riguarda il lato più istituzionale, il pontefice stesso da anni è presente sui social media e il Vaticano ha diverse app al suo attivo. Un esempio è Vatican.va, che su Google Play Store registra più di 100.000 downloads e che, raccogliendo però soprattutto le attività del papa, le sue parole, video e foto, più che una app vera e propria ricorda una pagina web dove trovare delle informazioni e dei contenuti che vanno a senso unico. La popolarità crescente di strumenti paralleli, come appunto Laudate, sembrerebbe indicare un bisogno da parte dei fedeli di non essere solo spettatori, ma di voler praticare la loro fede in maniera più attiva e partecipata.

La controriforma 2.0

Il desiderio di partecipazione da parte dei fedeli, disposti ad andare a cercare anche nei canali non ufficiali strumenti per esprimere la loro fede in modo più attivo, non è il solo argomento a favore del mantenimento da parte della chiesa cattolica dei mezzi digitali anche nel periodo post-Covid-19. Innanzitutto, il distanziamento sociale non diventerà un ricordo in tempi molto prossimi e non mancano quelli che stanno apprezzando la maggiore accessibilità della messa digitale rispetto a quella fisica. A questo si accompagna anche il noto problema della carenza di vocazioni: i sacerdoti sono sempre meno e diverse sono le parrocchie che rimangono “scoperte” o affidate a parroci che devono giostrarsi tra più di esse, rendendo potenzialmente più labile il contatto coi fedeli. Un capitolo a parte meriterebbero poi i giovani: raggiungerli e mantenerne alta la partecipazione è una delle grandi sfide per il futuro della chiesa.
E se dunque questa “digitalizzazione forzata” non rappresentasse un male necessario da sopportare solo per qualche settimana, ma una opportunità per la chiesa? L’opportunità per rinnovarsi e trovare nuovi approcci per rivolgersi a quelli che saranno i fedeli del domani e coinvolgerli più attivamente? Un domani in cui i mezzi digitali non soppianteranno i riti fisici, ma ne saranno propedeutici e corollari, avvicinandola ai fedeli. Insomma, una controriforma 2.0, perché, come avrebbe detto Tomasi di Lampedusa, “tutto deve cambiare perché tutto resti come prima”.

Giulia Isetti

Questo articolo é stato pubblicato sul blog Covid-19 And Beyond 

Related Articles

Article
Zwei exemplarische Studien für Meran und Bozen: Grünplanung als Basis nachhaltiger Stadtentwicklung

In den vergangenen vier Jahren hat ein Team rund um Prof. Stefan Zerbe zwei Studien zu städtischem Grün und Baumpflanzungen durchgeführt – was leisten sie, inwiefern können sie auch schaden? Ökosystemleistungen wie der Einfluss auf das Mikroklima, Lärmminderung, Habitat für Insekten oder Regulation des Wasserhaushalts werden Schadwirkungen wie dem allergenen Potential oder Schäden an städtischer Infrastruktur gegenübergestellt. „Unsere Studien für die Südtiroler Städte Meran und Bozen untermauern den Bedarf einer umfassenden und weitsichtigen Planung des städtischen Grüns samt klug gewähltem Baumbestand“, so Prof. Zerbe. Eine Fotoausstellung in Bozen dokumentiert das interdisziplinäre Forschungsprojekt.

Article
Come le migrazioni continuano a cambiare l'Alto Adige

Fino alla metà degli anni novanta parlare di diversità in Alto Adige voleva dire riferirsi ai tre gruppi linguistici storici. Da allora però il numero di persone con cittadinanza straniera che ha scelto la provincia di Bolzano come nuova casa è in aumento costante e non c’è ragione di credere che il trend si fermerà, nemmeno di fronte alla pandemia. Quasi triplicata negli ultimi vent’anni, da 16.000 presenze nel 2002 a oltre 50.000 nel 2017, la popolazione con background migratorio aggiunge nuova diversità al territorio, aprendo domande e sfide nuove. Nel “Rapporto sulle migrazioni Alto Adige 2020”, 30 studiose e studiosi di sociologia, geografia, diritto, storia, biologia, antropologia, scienze politiche e linguistica di Eurac Research analizzano chi sono i migranti in Alto Adige e come funziona il loro inserimento a scuola, nel mondo del lavoro e sulla scena politica. Cento pagine ricche di testimonianze, infografiche e immagini: il Rapporto è pensato come strumento per supportare le politiche locali, ma anche come lettura divulgativa e come materiale didattico.

Article
A new compulsion to locality

In 2002 the sociologist John Urry defined contemporary man as subject with two fundamental drives: the compulsion to mobility and the compulsion to proximity. Although communication technology allows many of us to avoid the majority of physical movements, society – as well as our personal goals and desires – compels us to move through space in order to reach other bodies, with them we experience situations of proximity in other places. It is not only a matter of choice: there are widespread obligations and expectations in this sense. Urry calls this phenomenon, the globalisation of intermittent presence.

Article
Inklusive Bildung in der Zeit des Fernunterrichts

Unser italienisches Bildungssystem ist in der ganzen Welt dafür bekannt, inklusiv zu sein: ein System, das auf all seinen Ebenen, von der Kinderkrippe bis zur Universität, kein Kind oder Jugendlichen ausschließt. Dies ist schon unter normalen Umständen eine komplexe Aufgabe, in den außergewöhnlichen Zeiten des Fernunterrichts aufgrund der Coronavirus Pandemie nehmen diese Herausforderungen jedoch neue Formen an.