© Oliver Oppitz

“Change & Challenge” è il tema della Lunga Notte della Ricerca di venerdì prossimo.

Quello che oggi sembra in un modo, domani non lo sarà. I cambiamenti non sono mai stati così veloci. Non appena l’ultima generazione di smartphone entra in commercio, già vanno in produzione nuovi modelli con funzioni ancora più avveniristiche. Il mondo digitale sta rivoluzionando le nostre vite alla velocità della luce. Anche i flussi migratori, l’invecchiamento della società e i cambiamenti climatici ci tengono sull’attenti. Chi si occupa quotidianamente di questi cambiamenti sono gli scienziati. In tutto il mondo, e anche qui a Bolzano, i ricercatori pensano a soluzioni per i problemi del nostro tempo. Per scoprire in che modo e quale sia lo stato attuale della ricerca, i ricercatori invitano il pubblico alla sesta edizione della Lunga Notte della Ricerca di Bolzano (LUNA). L’appuntamento è per venerdì 27 settembre dalle 17 a mezzanotte.

Quali sono le sensazioni di un corpo che invecchia improvvisamente? Stiamo vivendo una rivoluzione in campo medico che ci permetterà di non ammalarci più in futuro? Come funziona la diagnosi di un esame intraoperatorio? Posso fare conversazione in una lingua che non conosco? E come faccio a capire se mele, latte e castagne vengono veramente dall’Alto Adige? A rispondere sono più di 500 ricercatori e ricercatrici che propongono al pubblico 117 esperimenti, giochi e attività interattive.
In 13 tappe in tutta la città gli esperti sono in “servizio speciale” dalle 17 a mezzanotte. In un reality game mostrano come i robot riescano a sviluppare un buon senso pratico. Assieme ai bambini seguono le tracce di animali poco studiati. Accompagnano i visitatori più coraggiosi in una spedizione estrema tra ghiaccio e neve oppure in una stanza piena di fumo da cui devono cercare di uscire guidati da una telecamera a infrarossi.
La notte offre attività per tutti i gusti, per grandi e piccoli. Chi vuole confezionarsi un programma personalizzato in anticipo può trovare ispirazione sul sito www.lunganottedellaricerca.it e salvare le proprie stazioni preferite sotto “myLUNA”.
La partecipazione a tutte le attività è gratuita. Sono gratuiti anche gli autobus che portano i visitatori di luogo in luogo, partendo da piazza Domenicani. Le fermate sono quelle del trasporto pubblico o fermate speciali davanti a ogni tappa. Le tappe che si trovano in zona a traffico limitato sono raggiungibili solo a piedi.

Il 27 settembre Bolzano non è sola a festeggiare la Lunga Notte della Ricerca. In occasione della European Researchers’ Night, centri di ricerca, parchi tecnologici e università aprono le loro porte ai visitatori in 350 città europee. Per la quinta volta Eurac Research e unibz, promotori dell’iniziativa a Bolzano, hanno convinto con la loro proposta la Commissione europea che ha contribuito finanziariamente all’evento. Sostegno economico è arrivato anche dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, mentre il Comune di Bolzano ha concesso il proprio patrocinio.

Related Articles

Article
Die Chemie stimmt

Trotz des wachsenden Frauenanteils unter den Studierenden machen nur wenige Frauen an der Universität Karriere. Eine davon ist die Bozner Professorin Tanja Mimmo. Jung, couragiert, erfolgreich.

Interview
Risky Business

In the Alps, natural hazards are part of everyday life. How we perceive risk and cope when at risk is at the core of the research undertaken by Eurac Research’s Institute for Earth Observation. Lydia Pedoth shares her thoughts on strengthening the voices of women and increasing the visibility of their roles in disaster risk reduction.

Article
E se la matematica fosse al femminile?

Le ragazze non vanno bene in matematica, i ragazzi sì. È un luogo comune talmente assodato che viene scambiato per una legge di natura. Eppure, spiega Giorgio Bolondi, docente di Didattica della Matematica a Bressanone, non è così ovunque.

Interview
Aspettando Beatrice

L’11 febbraio si celebra la Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza istituita dalle Nazioni Unite. Lo scorso febbraio, in questa occasione, l’Università La Sapienza di Roma ha organizzato un convegno e presentato alcuni dati sulla ricerca al femminile in Italia*. Li abbiamo discussi con tre ricercatrici che in Eurac Research coordinano gruppi di ricerca molto diversi tra loro: ci hanno raccontato le loro esperienze personali, ma hanno tirato in ballo anche la Divina Commedia.