© Eurac Research/Alessandra Zanon

Per capire come si comportano le cellule neuronali dei malati di Parkinson, i biologi e genetisti di Eurac Research utilizzano modelli sempre più sofisticati. Il nuovo sistema che stanno testando permette di trasformare le cellule staminali pluripotenti indotte in neuroni tridimensionali, anziché bidimensionali. In questo modo, i ricercatori hanno a disposizione un modello più simile alla realtà e possono confrontare con maggiore precisione le cellule di persone sane con quelle dei malati di Parkinson.

Le cellule staminali pluripotenti indotte sono cellule che vengono riprogrammate in modo da tornare a uno stadio simile a quello delle cellule embrionali e potersi quindi sviluppare in tutti i tipi di cellule di un organismo adulto. Nello studio del Parkinson, i ricercatori trasformano queste cellule in neuroni dopaminergici per studiare i meccanismi molecolari alla base della malattia.
Finora i ricercatori di Eurac Research alimentavano colture di cellule bidimensionali. Da qualche tempo testano un nuovo sistema: incapsulano le cellule staminali pluripotenti indotte in una soluzione di idrogel e le immergono in una soluzione di calcio cloruro. In questo modo si generano delle sfere di idrogel che permettono alle cellule di svilupparsi in tre dimensioni. “Questo nuovo metodo facilita e rende più riproducibile il processo di differenziamento da cellule staminali pluripotenti indotte a neuroni”, spiega Alessandra Zanon, biologa molecolare di Eurac Research.
Le prime osservazioni su colture pilota hanno confermato le aspettative. Grazie al sistema tridimensionale il processo di trasformazione è più veloce e le sue caratteristiche sono osservabili in modo più nitido. Il ciclo di vita delle colture cellulari, inoltre, si è esteso fino a quasi 200 giorni, contro una media di 50 giorni delle colture 2D. “Questo ci permetterà di studiare meglio la malattia di Parkinson mettendo a confronto linee cellulari di controllo con cellule di pazienti malati, per osservare le differenze”, conclude Peter Pramstaller, direttore dell’Istituto di biomedicina di Eurac Research.

Related Articles

Article
Nanotecnologie. Individuata pellicola biocompatibile che evita il rigetto dei bioelettrodi

Le possibili applicazioni future? Nello studio di patologie e sindromi come l’epilessia e per restaurare la vista in pazienti con il nervo ottico compromesso.

Article
Data Mindset

Fascinated as a young student by the elegant and intricate structures of proteins, Francisco Domingues has seen his career in biomedical informatics run parallel with a great leap forward in biomedicine. In the last three decades, data and data analysis technology have grown faster than anyone could have imagined.

Article
Premio per la ricerca 2017: Eurac Research due volte sul podio

Gli importanti risultati raggiunti nel campo della bioinformatica e della medicina di emergenza in montagna sono valsi a Eurac Research un doppio riconoscimento. Christian Fuchsberger, ingegnere informatico, e Giacomo Strapazzon, medico, hanno rappresentato il centro di ricerca altoatesino alla cerimonia di consegna del premio per la ricerca 2017 della Provincia Autonoma di Bolzano.

Interview
Zufall oder Schicksal: Wie ein Tumor entsteht

Das Netzwerk Planet Science lädt am Dienstag, 31. Oktober um 17 Uhr zum Vortrag von Miriam Erlacher vom Universitätsklinikum Freiburg an die unibz. EIn Gespräch mit der Wissenschaftlerin, die 2015 mit 1,5 Mio Euro die höchste Nachwuchs-Förderung der Europäischen Union zuerkannt erhielt.