“BZcomfort” è il nome della app sviluppata da un gruppo di ricerca interdisciplinare che riunisce competenze ecologiche con quelle sociologiche e antropologiche. Con la app, nei prossimi mesi, i ricercatori chiederanno ai cittadini di Bolzano come la presenza di alberi in quattro luoghi della città influenzi la loro sensazione di benessere.

Spesso è più facile capire l’importanza e l’utilità degli alberi in città quando vengono a mancare, soprattutto d’estate. La sensazione di comfort data dall’ombra degli alberi negli spazi pubblici è evidente quando si passa da una piazza assolata a una via alberata. Ma le sensazioni, anche se importanti, devono essere affiancate dai dati, per capire l’effettivo contributo che il verde urbano offre agli abitanti delle città.

Infatti, se è vero che il verde urbano svolge un ruolo sempre più importante nella fornitura di servizi per l'uomo, influenzando positivamente il microclima urbano, catturando CO₂ o fornendo un habitat a piante e animali e un contesto per lo svago e l’educazione ambientale, è altrettanto vero che, negli ultimi anni, sono emerse anche alcune criticità collegate, ad esempio, alla produzione di polline e all’impatto di questo sulla salute umana (allergie) e alle emissioni di gas serra come conseguenza del mantenimento degli spazi verdi.

Ora un gruppo di ricerca interdisciplinare della Libera Università di Bolzano – che comprende i proff. Stefan Zerbe (Scienze e Tecnologie e coordinatore del progetto), Susanne Elsen e Dorothy Zinn (Facoltà di Scienze della Formazione), Federico Boffa (Facoltà di Economia) e i ricercatori Andrew Speak, Roberta Raffaeta e Vincenzo Mollisi – si propone di effettuare valutazioni precise del benessere derivante dalla presenza di alberi negli spazi pubblici di Bolzano. E, per farlo, chiede la collaborazione dei cittadini che potranno trasmettere le loro sensazioni ai ricercatori utilizzando una app sviluppata ad hoc: BZcomfort.

Il nome dello studio - che durerà tre anni - è Urban green in an interdisciplinary perspective: Environmental impact, cost-benefit, and human perception, ovvero Il verde urbano in una prospettiva interdisciplinare: Impatto ambientale, rapporto costi-benefici e percezione umana. Il progetto mira a misurare l’impatto degli alberi sull’ambiente urbano, i benefici e i costi economici connessi e a quantificare la percezione e l’uso del verde urbano da parte degli abitanti del capoluogo altoatesino.

“Il coinvolgimento degli abitanti di Bolzano è essenziale per la nostra ricerca”, spiega Andrew Speak, il ricercatore della Facoltà di Scienze e Tecnologie che ha creato la app “BZComfort”, “loro ci possono raccontare come si sentono nei luoghi oggetto della nostra osservazione”. Lo studio si baserà sull'inventario completo degli alberi della città di Bolzano e i casi di studio su cui i ricercatori si concentreranno saranno quattro: piazza Domenicani, piazza Vittoria, piazza Mazzini e il parco Peter Rosegger.

“I risultati verranno messi a disposizione degli urbanisti e dei decisori politici affinché dispongano di una base di partenza solida per sviluppare, progettare e mantenere il verde urbano. La finalità è creare comfort abitativo per i cittadini in modo economicamente efficiente e integrando la percezione e le esigenze umane”, aggiunge il prof. Stefan Zerbe.

Contribuire alla ricerca è semplice. Basta scaricare la app “BZcomfort” da Google Play e, una volta installata, rispondere alle domande sul comfort termico negli spazi pubblici di Bolzano individuati dai ricercatori. I partecipanti, oltre alla soddisfazione di prendere parte alla ricerca, possono anche partecipare all’estrazione di un regalo. In palio, infatti, c’è un buono da spendere su Amazon di 50 euro.

Related Articles

Article
Il suggeritore "responsabile"

Coniugare sostenibilità ambientale e diversificazione turistica grazie ai recommender system? Si può fare. O almeno è la scommessa di David Massimo, dottorando alla Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche, che, assieme al prof. Francesco Ricci, ha sviluppato una tecnologia che promette di rivoluzionare il funzionamento dei suggeritori automatici cui ci hanno abituato i siti di e-commerce e le più grandi piattaforme internet, da YouTube a Spotify.

Article
Safeguarding Global Mountains

A new scientific partnership between Eurac Research and the United Nations University emphasises the stature of mountains as a key component of global ecological stability.

Interview
Zyankaliproduktion herunterfahren!

Pflanzen und Tiere haben es sich über Jahrmillionen auf der Erde eingerichtet bis der Mensch kam. Er ist Hauptverursacher des neues Massensterbens. Ulrike Tappeiner, Leiterin des Instituts für Alpine Umwelt (Eurac Research) und Präsidentin der Freien Universität Bozen, über Nahrungsnetze, den gemeinen Weißklee und das großangelegte Biodiversitätsmonitoring Südtirol.

Article
“Tutto il bello della scienza”. Il nuovo numero della rivista Academia

Quanta bellezza ci regala la ricerca? In che modo i ricercatori si occupano di aspetti della bellezza nella loro attività scientifica? Per il numero 79 di Academia, la rivista di divulgazione scientifica di unibz e Eurac Research, la redazione lo ha chiesto ai protagonisti del mondo accademico e della ricerca altoatesino: ingegneri, teorici dell’arte, agronomi, biologi, esperti di sviluppo regionale, informatici, economisti. Loro stessi hanno fatto una scoperta: c’è del bello da scoprire, anche dove, all’inizio, non sarebbe sembrato.