I “supertannini” sono polifenoli ad anello più grossi rispetto a quelli conosciuti finora dagli enologi. Il loro valore consiste nella loro funzione di marcatori dell’autenticità di un vino. In futuro la scoperta dei ricercatori di unibz potrà aiutare la lotta contro le sofisticazioni nel settore enologico.

Il gruppo di ricerca in enologia guidato da Emanuele Boselli, professore della Facoltà di Scienze e Tecnologie, ha recentemente pubblicato lo studio intitolato Isotopic Exchange HPLC-HRMS/MS Applied to Cyclic Proanthocyanidins in Wine and Cranberries sulla rivista scientifica statunitense Journal of the American Society for Mass Spectrometry. La ricerca targata unibz fa luce sulla struttura di alcuni composti antiossidanti naturali del vino, ribattezzati “Supertannini” dal prof. Boselli e i suoi colleghi.

“Stavamo analizzando alcuni vini altoatesini per determinare quali, fra i loro costituenti, possono rivestire un ruolo importante nel definirne la qualità e l’autenticità, quando abbiamo avuto una grossa sorpresa”, afferma Boselli. Gli scienziati del gruppo diretto da Boselli hanno identificato le proantocianidine cicliche a sei termini. “Questa scoperta - aggiunge Edoardo Longo, prima firma dell’articolo scientifico - è stata resa possibile da una procedura analitica finora applicata quasi esclusivamente allo studio delle proteine”. Tale procedura impiega lo scambio isotopico tra idrogeno e deuterio, abbinandolo allo spettrometro di massa ad alta risoluzione, una macchina presente nei laboratori di Scienze e Tecnologie Alimentari di Bolzano.

Edoardo Longo, ricercatore e prima firma dello studio.

Due anni fa, ricercatori dell’Università di Bordeaux avevano ipotizzato la presenza nel vino delle proantocianidine oligomeriche cicliche, una nuova classe di sostanze simili ai tannini, ma dall’inaspettata forma ad anello, per questo definiti procianidine a corona. “I calcoli teorici fatti da noi, tuttavia, portavano a supporre l’esistenza di altre strutture simili”, aggiunge Boselli, “Quindi, nel corso di ulteriori esperimenti, non solo abbiamo confermato i risultati dei colleghi francesi, usando una tecnica alternativa, ma abbiamo anche individuato la presenza di quei supertannini di struttura ancora più complessa che avevamo previsto”.

Lo studio degli enologi bolzanini è appena all’inizio e necessita di molti approfondimenti ma ulteriori esperimenti mostrano che tutti i supertannini sono promettenti marcatori di autenticità dei vini a livello globale, e non solo dei vini dell’Alto Adige finora esaminati.

“Abbiamo costituito il gruppo di ricerca in Enologia solamente lo scorso anno ma questo ottimo risultato conferma la bravura dei ricercatori che ne fanno parte. Siamo convinti che il prof. Boselli e i suoi collaboratori sapranno sviluppare il settore della ricerca enologica all’interno della Facoltà di Scienze e Tecnologie. Ciò aiuterà il settore vinicolo locale a consolidare l’eccellenza che lo contraddistingue”, commenta il preside della Facoltà, prof. Stefano Cesco.

Related Articles

Article
Polvere di caffè delle vecchie cialde. Scoperto un riutilizzo eco-sostenibile

Molte idee, sul posto di lavoro, maturano nei momenti di socializzazione davanti alla macchinetta del caffè. È successo anche alla Facoltà di Scienze e Tecnologie dove il team di ricerca in Scienze e Tecnologie alimentari, coordinato Matteo Scampicchio, ha realizzato uno studio che punta a ridurre i rifiuti prodotti dall’uso di capsule e cialde. Lo scarto di polvere di caffè viene usato per l’estrazione di antiossidanti e lipidi naturali per l’industria alimentare.

Article
“Creiamo nuovi modelli matematici per capire meglio la disuguaglianza economica”

Un modello dinamico che permette di capire come funzionano lo scambio e la concentrazione di ricchezza in una data società. L’hanno inventato Maria Letizia Bertotti e Giovanni Modanese, rispettivamente matematica e fisico della Facoltà di Scienze e Tecnologie della Libera Università di Bolzano. L’ispirazione e il metodo sono stati forniti dallo studio del comportamento delle particelle dei gas in collisione tra di loro.

Article
Omnivor, vegetarisch, vegan: Was ist besser?

Ob man sich omnivor, vegetarisch oder vegan ernährt, ist fast zur Glaubensfrage geworden. Dabei kann man sich den drei Ernährungsweisen auch wissenschaftlich nähern. Genau dies hat Prof. Marco Gobbetti, Ordinarius für Agrarmikrobiologie an der Freien Universität Bozen, in einem groß angelegten Forschungsprojekt getan – mit überraschenden Ergebnissen.

Article
Das win-win-win-win-Projekt

Was eine Win-win-Strategie ist, dürfte mittlerweile den meisten bekannt sein, was aber ist eine Win-win-win-win-Strategie? Eine Situation mit jeder Menge Gewinnern jedenfalls, wie man sie sich mit dem Projekt WoodUp vorgenommen hat. Der Ansatz: man analysiert die Biomasse-Vergasung und entwickelt aus dem daraus entstehenden Abfall neue Produkte.