© Eurac Research

Come è possibile coinvolgere maggiormente i giovani nella vita politica? Eurac Research ha elaborato strumenti e spunti assieme a partner della regione alpina.

I giovani non sono apolitici e disinteressati, semplicemente le modalità con cui si fa politica non fanno per loro. I politici, dall’altra parte, vogliono coinvolgere i giovani, ma spesso non sanno come farlo. Questa conclusione, dopo un anno di workshop e discussioni in 14 comuni dello Spazio Alpino, conferma ai responsabili di GaYA ("Governance and Youth in the Alps") quanto sia importante questa iniziativa. GaYA vuole aiutare decisori pubblici e funzionari a creare possibilità innovative di partecipazione giovanile. Come aiuto iniziale, è stata sviluppato una “toolbox online”: una cassetta degli attrezzi che presenta metodi ed esempi e mostra come aggirare gli ostacoli che si verificano più frequentemente.

I giovani si lamentano, ma non danno suggerimenti concreti? Aiutateli con il vostro team per trasformare i reclami in proposte concrete. I ragazzi non partecipano alle riunioni che organizzate? Andate voi nei luoghi di incontro dei giovani!
Dieci carte da gioco propongono azioni concrete per affrontare i problemi più frequenti e hanno lo scopo di incoraggiare i decisori politici a sperimentare soluzioni alternative. Le carte sono solo uno dei diversi elementi della cassetta degli attrezzi che mira a incoraggiare i Comuni a "intraprendere nuove strade democratiche", come spiega Greta Klotz, esperta in studi federali di Eurac Research e responsabile del progetto GaYA. "Secondo la nostra esperienza, le amministrazioni pubbliche mostrano spesso buona volontà nel coinvolgere i giovani, ma si sentono sopraffatte dall’attuazione dei progetti”.

La toolbox di GaYA non fornisce ricette, piuttosto dà in dotazione a decisori pubblici e funzionari locali e regionali una serie di strumenti con cui avviare processi di partecipazione su misura. Questo include una panoramica dei vari metodi e modelli di democrazia partecipativa e una selezione di esempi della regione alpina. In particolare, i casi di studio mostrano quanto siano diverse le possibilità di rilanciare la democrazia a livello locale e di permettere ai giovani di contribuire a plasmare il futuro della comunità. A Wolkersdorf in Austria, ad esempio, i giovani sono invitati a contribuire con le loro idee e le loro esigenze alla pianificazione del territorio, mentre a Budoia in Friuli hanno voce in capitolo nella pianificazione del bilancio.
In Alto Adige, Salorno ha recentemente avviato un processo partecipativo e indetto un concorso di idee per giovani cittadini sul tema “cittaslow”.

La toolbox è disponibile online all‘indirizzo: http://www.alpine-space.eu/projects/gaya/en/project-results/participation-toolbox
Eurac Research dispone di alcuni esemplari fisici della scatola che possono essere spediti (fino a esaurimento scorte). Per richiedere una toolbox: [email protected]
Greta Klotz racconta il progetto GaYA in questa intervista: http://www.academia.bz.it/articles/politik-fuer-junge-teilhaber

Related Articles

Article
Costituzione, formazione del Governo e voto su Rousseau

I partiti politici svolgono ancora un ruolo insostituibile nel quadro costituzionale: la loro democrazia interna è veramente un fatto privato che non deve riguardare lo Stato e i cittadini? Una riflessione di Monica Rosini, docente di Diritto costituzionale.

Interview
Trans-planetary Visionist

Imagine a world with a global consciousness, where mobility of ideas, information and people have launched humanity into a new ideological paradigm based on redistributed social justice. Sounds like a nice place to be, and that’s exactly the type of ‘global imaginary’ that Manfred B. Steger, Professor of Global and Transnational Sociology at the University of Hawaii-Mānoa, thinks we can achieve. The celebrated author of “Globalism: A Very Short Introduction” was at Eurac Research in May to talk about alternative global paradigms and the rise of the populist Right.

Interview
Isolamento e telefonate troppo care

Ovvero perché vale la pena investire nel cambiamento dell’Unione europea (e non nel suo smantellamento).

Article
"Elezioni in USA: non confondiamo le predizioni con i buoni auspici"

Le elezioni di mid-term, che si terranno il 6 novembre, rappresentano un appuntamento cui tutto il mondo guarda sempre con grande attenzione. Ne parliamo con il politologo Roberto Farneti.