Le possibili applicazioni future? Nello studio di patologie e sindromi come l’epilessia e per restaurare la vista in pazienti con il nervo ottico compromesso.

La scoperta del gruppo di ricerca in nanoingegneria della Libera Università di Bolzano – coordinato dal prof. Paolo Lugli, rettore unibz, e dal suo assistente, il ricercatore Aniello Falco – è il risultato degli studi svolti in collaborazione con il Center for Synaptic Neuroscience dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova e l’Imperial College di Londra nell’ambito del progetto Olimpia, sostenuto con fondi europei. L’obiettivo del progetto Olimpia è stato lo sviluppo di biosensori, soluzioni tecnologiche innovative a metà strada tra neurologia ed elettronica.

Uno dei frutti del progetto è la ricerca pubblicata da Nature Scientific Reports. Questa ha portato alla creazione di un prodotto essenziale per lo sviluppo della bioelettronica: bioelettrodi biocompatibili, stabili e semitrasparenti, ottenibili mediante una tecnologia a basso costo.

Normalmente i bioelettrodi usati in laboratorio sono realizzati in oro per la loro alta conduttività elettrica e compatibilità con i tessuti umani. Per essere utilizzati, hanno bisogno di essere fissati con uno strato adesivo a un supporto direttamente a contatto con le cellule umane, tipicamente di vetro, quarzo o plastiche biocompatibili. “Il materiale adesivo utilizzato finora nei laboratori era perlopiù cromo”, sottolinea Aniello Falco, ingegnere elettronico “questo però presenta lo svantaggio di essere citotossico”.

Il nome dell’adesivo utilizzato in sostituzione del cromo nei laboratori della Facoltà di Scienze e Tecnologie è SU8. Si tratta di un fotopolimero, una pellicola chimicamente inerte che si ammorbidisce o indurisce per mezzo di semplice luce ultravioletta e può quindi essere facilmente modellata. La lavorazione dell’SU8 avviene con un semplice processo fotolitografico, a costi quindi potenzialmente molto contenuti. Prima dei ricercatori dell’ateneo bolzanino, nessuno aveva pensato al suo impiego come materiale di adesione per elettrodi nell’ambito delle biosensoristica.

Due autori dello studio: il ricercatore Aniello Falco e il prof. Paolo Lugli.

Un suo naturale impiego potrebbe essere nella ricerca sull’epilessia. I bioelettrodi d’oro – delle dimensioni di pochi micron – potrebbero essere impiantati sul cervello senza problematiche di rigetto e rendere possibili misurazioni dell’attività elettrica del cervello molto più raffinate rispetto a quelle attualmente disponibili per mezzo dell’elettroencefalogramma.

Oltre alla diagnosi, il ricercatore ipotizza un utilizzo dell’SU8 anche nella riabilitazione. Un risultato dirompente a disposizione dei chirurghi alle prese con un’operazione di ripristino della vista nelle persone con la retina danneggiata. “Tramite la pellicola sarà possibile inserire chip sotto al nervo ottico con minori probabilità di rigetto, aiutando il lavoro di medici e biotecnologi nel restituire alla persona la visione compromessa”, conclude Aniello.

"Il risultato che abbiamo raggiunto si inserisce nella nostra attività di ricerca che mira a sviluppare tecnologie innovative basate su processi di stampa",  afferma il prof. Paolo Lugli, "Grazie ad esse sarà possibile realizzare componenti e circuiti elettronici a basso costo (come una comune stampante inkjet) e su substrati non convenzionali (come plastica, vetro o carta). Oltre alle applicazioni mediche, rilevanti per l’articolo pubblicato, si può pensare ad altri utilizzi nel campo della sensoristica, della agricoltura di precisione o dei tessuti intelligenti".

Related Articles

Article
"Coniugare biologico e sostenibilità"

Massimo Tagliavini, professore di Arboricoltura generale ed Ecologia agraria alla Facoltà di Scienze della Formazione unibz, prende posizione su un tema di grande attualità.

Article
“Tutto il bello della scienza”. Il nuovo numero della rivista Academia

Quanta bellezza ci regala la ricerca? In che modo i ricercatori si occupano di aspetti della bellezza nella loro attività scientifica? Per il numero 79 di Academia, la rivista di divulgazione scientifica di unibz e Eurac Research, la redazione lo ha chiesto ai protagonisti del mondo accademico e della ricerca altoatesino: ingegneri, teorici dell’arte, agronomi, biologi, esperti di sviluppo regionale, informatici, economisti. Loro stessi hanno fatto una scoperta: c’è del bello da scoprire, anche dove, all’inizio, non sarebbe sembrato.

Article
Academia auf den Spuren von Schönheit in der Wissenschaft

Wie viel Erhabenes, wie viel Schönheit finden wir in der Forschung, wie sehr und in welcher Form setzen sich Forscher mit Aspekten von Schönheit auseinander? Das aktuelle Wissenschaftsmagazin von unibz und Eurac Research geht auf Spurensuche.

L'Artic Browning dimezza l'assorbimento di CO2 da parte delle piante artiche

Un’équipe di cinque ricercatori delle Università di Sheffield, Tromsø (in Norvegia) e Bolzano ha scoperto l’”arctic browning”, un fenomeno che minaccia di essere potenzialmente disastroso sia per l’ecosistema vegetale della regione artica che per quello di alta montagna e di assestare un ulteriore duro colpo alla lotta contro il cambiamento climatico. Una componente del team, Laura Stendardi, sta svolgendo un dottorato di ricerca alla Facoltà di Scienze e Tecnologie unibz.